Gigi Proietti: la morte improvvisa

E mentre la televisione italiana si apprestava a festeggiare l’ottantesimo compleanno di Gigi Proietti con filmati d’epoca e film da rivedere insieme alla famiglia, è arrivata una tragica notizia: proprio qualche ora prima di questa ricorrenza è arrivata la comunicazione di un suo ricovero già da qualche giorno nella nota clinica romana Villa Margherita, ma che le condizioni stavano peggiorando sempre di più. Alle ore 06:20 circa l’annuncio che nessuno avrebbe mai voluto ascoltare: Gigi Proietti è morto a causa dei problemi cardiaci.

Gigi Proietti: quale malattia combatteva

Gigi Proietti: quale malattia combatteva

Già in passato Proietti aveva avuto problemi di cuore causati da forti tachicardie. Esattamente dieci anni fa l’attore di cinema e di teatro era stato ricoverato in ospedale, in terapia intensiva coronarica, sempre per problemi al cuore, in quel caso all’ospedale San Pietro. Questa volta però Gigi non ce l’ha fatta. Al suo fianco da oltre cinquant’anni la moglie Sagitta Alter e le loro due figlie Susanna e Carlotta, anche loro attrici e che hanno anche avuto modo di recitare in passato con il padre.

Gigi Proietti: il ricordo dei colleghi

Tanti i messaggi arrivati dal mondo dello spettacolo per ricordarlo. Tra questi anche Maurizio Costanzo che ha parlato in diretta ai microfoni di RTL 102.5, all’interno di Non Stop News condotto da Fulvio Giuliani, Giusi Legrenzi e Pierluigi Diaco.: “È morto un grandissimo attore, per me dopo Gassman e Albertazzi c’era lui. Pensate allo Shakespeare che interpretava, me lo ricordo anche nelle commedie musicali. Poi Il Maresciallo Rocca, interpretato in maniera sublime, è diventato un personaggio rimasto nella memoria, forse ancora più della mandrakata”. Ora restiamo in attesa di ulteriori chiarimenti su come si svolgerà il funerale, visto che in tempo di Covid non è possibile creare assembramenti: la sua Roma riuscirà a dargli un degno ultimo saluto?