Lavorare in Giappone: tutte le info

Avete mai pensato di traferirvi in Giappone e cercare lavoro lì? Sarebbe un bel sogno e, se davvero ci tenete a realizzarlo, vogliamo condividere con voi tutto quello di cui siamo a conoscenza. Ovviamente non è come andare a vivere in un paese europeo, si tratterebbe di andare a vivere letteralmente dall’altra parte del mondo. Ma se si hanno i requisiti, la voglia di partire e tanta pazienza tutte le difficoltà piano piano passeranno.

Non perderti: Lavorare all’estero: professioni più cercate

Lavorare in Giappone: cosa sapere sul visto

Esistono diverse tipologie di visti di lavoro, che permettono di svolgere un impiego solo all’interno di determinati settori (insegnamento, ingegneria, giornalismo, ricerca, ecc). Ci sono poi dei visti che consentono di effettuare qualsiasi lavoro senza particolari restrizioni, come il visto matrimoniale ed il visto permanente. Anche con il visto studentesco è possibile lavorare, ma solo per un numero limitato di ore settimanali e previa autorizzazione dell’ufficio immigrazione. Con il visto turistico non è consentito svolgere alcun tipo di attività lavorativa. Ignorare questa regola ed infrangere la legge può comportare sanzioni molto severe. Nella gran parte dei casi, risulta necessario possedere una laurea o in alternativa diversi anni di esperienza lavorativa nel proprio settore. In aggiunta a questo, generalmente viene richiesta anche la garanzia da parte di un datore di lavoro.

Lavorare in Giappone: come trovare un impiego

Esistono diversi siti web che raccolgono offerte di lavoro in Giappone. Fra i più noti segnalo Daijob e GaijinPot. Un’altra importante risorsa è Hello Work, un servizio messo a disposizione dal governo giapponese sia per i propri cittadini che per gli stranieri. Presentandosi presso uno dei loro uffici è possibile ricevere aiuto nella ricerca di un impiego adatto alle proprie capacità. La stragrande maggioranza degli impieghi necessitano di una buona conoscenza della lingua giapponese. In alcuni casi, in particolare all’interno di aziende straniere che operano in Giappone, è possibile essere assunti anche senza una buona conoscenza del giapponese.

Leggi anche: