DPCM del 24 ottobre: le ultime novità

A distanza di poco più di una settimana, il Presidente del Consiglio, in video conferenza, ha parlato nuovamente agli italiani mostrando il nuovo DPCM che conferma alcuni punti affrontati in quello del 18 ottobre ed aggiunge nuove disposizioni. La riunione tra il Presidente Conte e i presidenti delle regioni è stata molto lunga e si è protratta per tutta la notte tra sabato e domenica non senza polemiche ed espressioni di pareri contrastanti. Per avere un quadro completo di questo nuovo DPCM, che rimarrà in vigore fino al 24 novembre, affrontiamo i punti salienti.

Leggi anche: DPCM del 18 ottobre: novità dopo la conferenza di Conte

DPCM del 24 ottobre: chiusura dei locali pubblici

Il Covid-19 è ancora tra noi in modo molto forte ed è per questo che il Governo ha disposto un nuovo DPCM, in vigore dal 26 ottobre fino al 24 novembre, che prevede nuove disposizioni nel tentativo di arginarne la diffusione. I settori coinvolti sono molti  e sono state adottate restrizioni che hanno provocato grandi tensioni. I ristoranti e i bar potranno svolgere la loro attività dalle 05:00 fino alle 18:00 e la domenica e i giorni festivi potranno rimanere aperti.

DPCM del 24 ottobre: le novità per la scuola

La scuola, uno dei principali nodi di tutta questa situazione, subirà delle importanti modifiche. L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a volgersi in presenza , le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività.

DPCM del 24 ottobre: i trasporti

Nelle grandi città, in particolare, la congestione dei trasporti pubblici si è dimostrato essere sempre un grave problema e, in questo periodo, lo è ancora di più. Il nuovo DPCM raccomanda a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute.

DPCM del 24 ottobre: chiuse palestre, piscine, cinema e teatri

Nell’ultimo DPCM il presidente Conte aveva concesso ai titolari delle attività commerciali, di piscine, palestre e cinema una settimana per potersi organizzare e valutare la curva epidemiologica. Purtroppo, però, la situazione sta precipitando considerevolmente e, per questo motivo, il nuovo DPCM dispone la chiusura di palestre, piscine, cinema e teatri fino al 24 novembre e in attesa di nuove disposizioni. Si raccomanda di continuare a seguire tutte le misure restrittive come l’uso della mascherina e il rispetto del distanziamento sociale.

Non perderti:-