Ponte Carlo: storia

Se avete intenzione di fare un viaggio a Praga, il Ponte Carlo dovrà essere una delle tappe obbligatorie. Si tratta di uno dei più importanti monumenti della capitale della Repubblica Ceca nonché la maggiore attrazione turistica dei visitatori provenienti da tutti il mondo. È uno storico ponte in pietra che sovrasta il fiume Moldava e collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana: la struttura complessivamente misura 515 metri di lunghezza e 20 metri di larghezza. L’opera fu commissionata da Carlo IV, allora Re di Boemia e Imperatore del Sacro Romano Impero, che diede il compito della costruzione all’architetto Petr Parléř, famoso per aver costruito la Cattedrale di San Vito ed il Castello di Praga. La prima pietra fu posata dal re esattamente alle ore 5.31 del 9 luglio 1357, una data ben precisa stabilita dai principali astrologi dell’epoca e che seguiva un’alchimia matematica atta a preservare il Ponte nel corso dei secoli. Il ponte Carlo fu terminato nel 1402 e a partire dal 1700 secolo i Gesuiti decisero di adornarlo con ben trenta statue barocche di santi, le cui copie sono ancora posizionate sui suoi lati.

Ponte Carlo: leggende

Ricordiamo che Praga compone insieme a Torino e Lione il famoso ‘triangolo magico‘ in quanto le tre città sono caratterizzate da fenomeni esoterici e collegati alla magia bianca e nera. Inevitabilmente anche il Ponte Carlo è correlato a leggende suggestive che ne accrescono il fascino ed il mistero. Partendo dalla sua costruzione, si dice che il materiale con cui è stato edificato è composto da malta uniti a tuorli d’uovo al fine di rendere più solida la struttura. Secondo la leggenda, Carlo IV chiese a tutti i villaggi del regno di contribuire alla costruzione cedendo una parte di uova della produzione locale. Un’altra leggenda riguarda la presenza sul ponte di Vodink, un folletto vestito di verde e con cappello rosso incaricato di trascinare in fondo al fiume Moldava le anime di chi vi annega per chiuderle in grosse pentole. Questo folletto può essere benigno o maligno a seconda dei casi, quindi bisogna stare attenti se lo si incontra lungo il percorso!

Ponte Carlo: come arrivare

Il Ponte Carlo è una zona completamente pedonale, molto frequentata tutto l’anno non solo dai turisti ma anche dagli artisti di strada, dai musicisti e dai venditori di souvenir. Ci si arriva tranquillamente a piedi con un piacevole percorso tra gli scorci più affascinanti della città. Le fermate della metropolitana più vicine sono quella di Staromestská per quanto riguarda la Metro A, e quella di Mustek per la Metro B.

Leggi anche: