Abstract – scaricare il file per l´appunto completo
Il tiraggio naturale Si può affermare che, affinché un camino funzioni, dovrà essere soddisfatta la seguente condizione: T > ( a + b + c + d + e + f + g ) Quindi si può facilmente intuire che meno resistenze avremo procurato al libero scorrimento dei fumi, tanto maggiore risulterà il tiraggio disponibile. Per favorire ciò: – punto a) – l’apertura di aerazione dev’essere adeguata alla potenza dell’apparecchio installato. – punto b) – Le resistenze dovute al ciclo di combustione variano in funzione del tipo di combustibile impiegato e del tipo di generatore. Pertanto è il costruttore dell’apparecchio che deve fornire tale valore di perdita di carico. Nelle caldaie con bruciatore ad aria soffiata o nelle caldaie cosiddette pressurizzate, qualunque sia il combustibile impiegato, non si deve tener conto delle perdite di carico conseguenti al passaggio dei fumi, in quanto la pressione stessa del bruciatore è sufficiente a vincere tutte le resistenze. Al contrario sulle caldaie aspirate tale perdita va ad incidere sensibilmente sul valore del tiraggio disponibile. Comunque, nelle normali caldaie aspirate a gas, tali perdite di carico possono essere trascurate in quanto di piccola entità (da 0,2 a 0,5 mm.c.a.). – punto c) – Sono da preferirsi curve ad ampio raggio; comunque mai inferiore a 90°. Infatti due curve a 135° si possono , per quanto riguarda le resistenze far corrispondere ad una curva di 90°. – punto d) – I canali da fumo che collegano il generatore di calore al camino è bene che abbiano un percorso il più breve possibile (massimo 2,5 m), abbiano l’interno liscio e presentino pochi cambiamenti di direzione (massimo 2). Sono da evitare i restringimenti di sezione, specie quelli bruschi. – punto e) – Al fine di evitare la formazione di forti vortici all’ingresso dei fumi nel camino e quindi maggiori perdite di carico, è buona norma adottare un collegamento del canale da fumo al camino con un angolo di 135° anziché di 90°. – punto f) – Il condotto del camino dev’essere al suo interno quasi speculare. Se realizzato di conglomerati, refrattario ecc., non deve presentare nelle giunzioni alcuna sporgenza interna di malta o altro legante, tale da interferire con il passaggio dei fumi. – punto g) – E’ bene che il comignolo presenti resistenze molto basse al passaggio dei fumi, affinché tutto il camino sia in depressione, cioè vi sia il tiraggio. Inoltre deve impedire l’entrata di pioggia e neve nel camino. (segue nel file da scaricare)