marcus aurelius, cum graviter aegrotavisset, filium advocavit atque ne belli superstites neglegeret ab eo primum petiit. Deinde, e vita excedere cupiens, victu potuque tantum abstinuit ut graviorem morbum redderet. Sexta autem die, cum ad se amicos vocavisset, res humanas irredens atque mortem contemnes, iis dixit: “Cur de me fletis et de pestilentia ac communi morte minime cogitatis?”. Cum autem amici ab illo recedere se pararent, ingemiscens ait: “Si me iam dimittis, vale.Vobis filium commendo, si dignus fuerit, atque deis immortalibus”.Tunc exercitus, cum imperatoris gravissimum morbum cognovissent, vehementissime dolebant, quia illum unice amaverunt. Septima denique die imperator, cum solum filium ad se admisisset, statim eum dimisit, ne in eum quoque morbus transiret. Deinde caput opuerit, quasi dormiret, sed nocte animam efflavit.

Traduzione

Marco Aurelio, essendo gravemente ammalato, chiamò il figlio e gli chiese per primo che non trascurasse i superstiti della guerra. Poi desiderando morire, si astenne tanto dal cibo e dal bere da rendere più grave la malattia. Nel sesto giorno, avendo chiamato da lui gli amici, irridendo le cose umane e disprezzando la morte, gli disse: perchè mi piangete e pensate minimamente alla sofferenza e alla morte comune? Poi preparandosi gli amici ad andarsene da lui, (ingemiscens) disse: se mi lasciate, statemi bene. Raccomando a voi il figlio se sarà degno e agli dei immortali. Allora l’esercito, avendo capito che il gravissimo morbo dell’imperatore, avendo lasciato quello da solo con il figlio, subito lo lasciò andare perchè non passare a quello la malattia. Poi coprì il capo come se dormisse ma di notte morì