Aesopus, Graecus poeta, fabularum materiam reperit; Phaedrus, Latinus poeta, forsitan Augusti servus, fabularum Graecarum materiam versibus senariis polit. Phaedri fabularum libellus delectamenta praebet et vitam provido consilio monet. Multi Aesopi Phaedrique fabulas reprehendunt; nam in fabulis pini, myrti olivaeque multa dicunt, non tantum ferae, sicut agni, tauri, lupi, simiae, vulpeculae, aquilae. Sed poetae in fictis fabellis vera condunt.

Traduzione

Esopo, poeta greco, inventa l’argomento delle favole; Fedro, poeta latino, forse servo di Augusto, riporta l’argomento delle favole greche in versi senari. Il libretto di favole di Fedro offre svaghi e ammonisce la vita con saggio consiglio. Molti riprendono le favole di Esopo e Fedro; infatti nelle favole i pini, i mirti, gli ulivi dicono molte cose, non soltanto gli animali come agnelli, tori, lupi, scimmie, volpi, aquile. Ma i poeti nelle favole finte nascondono cose vere.