Moyses Deo oboedivit: tenebat manum extensam super mare et Deus aquas divisit, quae intumescentes hinc et inde pendebant. Flavit etiam ventus vehemens et alveum exsiccavit. Tum Hebraei intraverunt in mare siccum: erat enim aqua tamquam murus a dextra et laeva. Rex quoque Aegyptius intravit cum universo exercitu; sed Dominus currus Aegyptiorum subvertit. Quare Aegyptii fugerunt. Deus dixit Moysi: “Extende rursum dexteram in mare et aquae revertent in lucum suum”. Paruit Moyses; et statim aquae obruerunt Aegyptios et currus et equites.

Traduzione

Mosè obbedì a Dio: teneva la mano tesa sul mare e Dio divise le acque, ed esse gonfiandosi si ponevano da un lato e dall’altro. Soffiò anche il vento impetuoso e asciugò l’alveo. Allora gli Ebrei entrarono nel mare secco: l’acqua stava infatti a destra e a sinistra come un muro. Anche il re Egizio entrò con tutto l’esercito; ma il Signore capovolse il carro degli Egiziani. Perciò gli Egiziani fuggirono. Dio disse a Mosè: “Tendi di nuovo la destra verso il mare e le acque torneranno al loro posto”. Mosè si dispose; e subito le acque sommersero gli Egiziani, il carro e i cavalli.