Plinius Caecilius, doctus homo, admodum locuples fuit. In hac epistula suas villas celebrat. «Apud Larium lacum nonnullae villae meae sunt, sed duae me praesertim delectant: altera, super saxa, lacum prospicit; altera ipsum lacum tangit. Itaque illam tragoediam, hanc comoediam appellare soleo. Nam illa alta est, sicut cothurni histrionum tragicorum; haec est depressa sicut comicorum socci. Harum villarum amoenitas magna est, etsi diversae sunt. Nam haec lacui vicina est; illa, contra, lacum longe prospectat et admodum amoena est propter amplum prospectum; illa fluctus non sentit, haec eos frangit. Praeterea ex illa piscantes despicere potes; ex hac ipse pisces captare atque etiam de tuo cubiculo hamum iacère(1) potes».

Traduzione

Plinio Cecilio, uomo dotto, fu oltremodo ricco. In questa lettera celebra le sue ville : Presso il lago Lario vi sono alcune mie ville, ma due mi dilettano specialmente: una, sopra i sassi (cerca meglio), guarda il lago; l’altra tocca lo stesso lago. E così sono solito chiamare quella tragedia, questa commedia. Infatti quella è, come (cothurni) degli istrioni tragici, questa è (depressa) come (socci) dei comici. Grande è la tranquillità di queste ville, sebbene siano diverse. Infatti questa è vicina al lago, quella, (contea), guarda da lontano il lago e è oltremodo piacevole per l’ampia veduta, quella non sente i flutti, questa li tocca. Inostre da quella i pescatori possono guardare, da questa gli stessi pesci puoi prendere e gettare l’amo dalla tua camera.