Digna est maxima admiratione Tiberii Caesaris pietas erga Drusum fratrem, cuius in Germania exstincti corpus usque Romam pedibus maestus atque squalore obsitus prosecutus est. Publius Rutilius levi morbo impeditus tam de fratris dignitate sollicitus fuit, ut, in petitione consulatus, audita eius repulsa, continuo animam efflaverit. L. Lucullus, quamquam natu maior quam Marcus frater, fraterna caritate compulsus, numquam magistratum petere voluit, donec ad legitimam aetatem petendi frater pervenisset; quam ob rem, absentes ambos populus Romanus aediles creavit.

Traduzione

Degna di grandissima ammirazione è la pietà dell’imperatore Tiberio nei confronti del fratello Druso, il corpo del quale, morto in Germania, triste e vestito a lutto portò a piedi fino a Roma. Publio Rutilio, impossibilitato da una lieve malattia, fu talmente preoccupato per la dignità del fratello che, nella candidatura al consolato, saputa e respinta la sua, subito dopo morì. L. Lucullo, sebbene nato prima del fratello Marco, mosso da carità fraterna, non volle candidarsi ad alcuna magistratura finché il fratello non fosse giunto all’età prescritta per candidarsi; per questo motivo, mentre erano assenti, il popolo romano li nominò edili.