Vitruvio

Vitruvio, vita e opere

Della vita di Vitruvio Pollione sappiamo poco: visse tra l’inizio e la fine del I secolo a.C. e alcuni pensano che sia di origini campane. Fu praefectus fabrum (una specie di ingegnere del genio militare) al seguito di Cesare in Gallia. Progettò macchine belliche prima per Cesare e poi per Augusto; entrambi gli concessero una pensione a vita.

Vitruvio, il De architectura

L’opera di Vitruvio è un trattato in 10 libri, il De architectura, composto tra il 27 a.C e il 23 a.C. e dedicato ad Ottaviano. Secondo Vitruvio l’uomo si trova nel periodo di massimo progresso e incivilimento in quanto si è raggiunta la perfezione della tecnica di costruzione. Nell’opera Vitruvio delinea la figura ideale di architetto che deve unire la ratiocinatio (scienza teorica) alla fabrica (la pratica). Egli deve tener conto del decor e della convenientia e alla base deve esserci un sapere enciclopedico. Infatti, è necessario conoscere non solo la geometria e il disegno, ma anche la storia, le lettere, la musica, l’astronomia, la medicina, il diritto, la filosofia morale. Il De architectura è importante anche dal punto di vista linguistico: nonostante le aride esposizioni di natura tecnica, dobbiamo tenere in considerazione le difficoltà riscontrate dall’autore nel reperire termini tecnici nella lingua latina (frequenti, infatti, i ricorsi al lessico greco).

La formazione dell'architetto (prova di latino 2000 - liceo classico)

Cum ergo tanta haec disciplina sit, condecorata et abundans eruditionibus variis ac pluribus, non puto posse se iuste repente profiteri architectos, nisi qui ab aetate puerili his gradibus disciplinarum scandendo scientia plerarumque litterarum et artium nutriti pervenerint ad summum templum architecturae. At fortasse mirum videbitur imperitis, hominis posse naturam tantum numerum doctrinarum perdiscere et memoria […]

La formazione dell'architetto - Esame di maturità del 2000

Cum ergo tanta haec disciplina sit condecorata et abundans eruditionibus variis ac pluribus non puto posse se iuste repente profiteri architectos nisi qui ab aetate puerili his gradibus disciplinarum scandendo scientia plerarumque litterarum et artium nutriti pervenerint ad summum templum architecturae. At fortasse mirum videbitur imperitis hominis posse naturam tantum numerum doctrinarum perdiscere et memoria […]

Alcune caratteristiche della villa

Non sunt inutilia praesepia extra culina in aperto, cum enim in hieme anni sereno caelo in praesepia agricolae boves traducunt ut ad solem pabulum capiant.Horrea, fenilia,farraria,pistrina extra villam faciunt,ut ab ignis periculo sint villae tutae.Omnia villae aedificia luminosa sunt quod paries nullius vicini potest obstare(potest obstare= può essere d’ostacolo), in urbe autem aut communium parietum […]

Una regina scaltra ed animosa

Post mortem Mausoli, Artemisia uxore eius regnante, Rhodii indignantes mulierem imperare civitatibus Cariae totius, armata classe, profecti sunt ut id regnum occuparent. Artemisiae cum esset id renuntiatum, in interiore Halicarnassi portu abstrusam classem, celatis remigibus, comparavit; relinquos autem cives in muro esse iussit. Cum autem Rhodii ornatam classem in portum maiorem exposuissent, plausum iussit ab […]