Purtroppo o pultroppo: la forma corretta

Capita anche a voi, mentre scrivete, di fermarvi e chiedervi  come si scrive una determinata parola? Se è successo non sentitevi degli asini, si tratta di dubbi leciti in quanto alcuni suoni della nostra lingua sono così simili e vicini tra loro che possono provocare dei dubbi legittimi. Oggi, insieme a voi, scopriamo qual è la forma corretta tra purtroppo e pultroppo anche se noi, scrivendo, già conosciamo la soluzione in quanto la forma errata è sottolineata in automatico di rosso, proprio come la penna che usava la maestra a scuola per correggere i nostri compiti e sottolineare gli errori, alcuni dei quali sono dei veri e propri orrori.

Leggi anche: Come fare un buon tema: 19 errori di ortografia da evitare

Purtroppo o pultroppo: la forma corretta è purtroppo

Molti di voi, probabilmente, conoscevano già la forma corretta senza dover ricorrere al correttore automatico che sottolinea di rosso l’errore. Per chi aveva ancora dubbi, d’ora in poi non sbaglierà più perché ricorderà per sempre che la forma corretta è purtroppo. Purtroppo è un avverbio di modo, si utilizza in caso di un evento sfortunato oppure di un’occasione persa, i sinonimi sono sfortunatamente, disgraziatamente. Purtroppo deriva dalla contrazione di due parole pure e troppo. Se avete bisogno di una rinfrescatina sulla grammatica, vi diciamo subito che un avverbio è una parte invariabile del discorso nella grammatica italiana e serve a modificare il significato delle parole alle quali è affiancato. La difficoltà nel pronunciare bene l’avverbio deriva dalla poca facilità con cui si pronuncia il gruppo di vocali “rtr”, che spesso genera un particolare fenomeno fonetico attraverso cui, in presenza di gruppi di consonanti difficili da pronunciare, una consonante viene sostituita da un’altra che facilita la pronuncia dell’intera parola.

Purtroppo: qualche esempio d’uso

Per fare in modo che memorizziate per bene la forma corretta, vi forniamo qualche esempio d’uso perché vederne l’uso nella pratica facilita molto la memorizzazione. Ribadiamo che purtroppo è un avverbio di modo e viene utilizzato in merito ad eventi sfortunati o di un’occasione persa. Ecco qualche esempio:

  1. Purtroppo non posso venire a pranzo da te;
  2. Verrei volentieri alla festapurtroppo ho impegni di lavoro importanti, non mi posso assentare per nessun motivo.

Non perderti: D’altronde o daltronde: come si scrive