Campus Party: tutto pronto per il Festival dell’innovazione

Il Festival internazionale dedicato all’innovazione e alla creatività sta per arrivare a Milano! Quest’anno l’evento avrà luogo dal 18 al 22 Luglio all’interno della Fiera Milano Rho: si tratterà di cinque giorni e quattro notti in cui quattromila campuseros si dedicheranno ad attività intense tra workshop, conferenze, hackathon e job matching. In questo modo tutti i giovani talenti tra i 18 e i 35 anni potranno confrontarsi, condividere occasioni ed opportunità, interagire direttamente con le più grandi aziende ed esporre le proprie idee in ambiti che vanno dall’imprenditoria alla scienza, passando per l’intrattenimento e la programmazione. Pronti ad immergervi nella più grande esperienza tecnologica del mondo?

Leggi anche:

Campus Party: cosa prevede il programma

Per il secondo anno consecutivo il Campus Party sbarcherà nel capoluogo meneghino. Il programma prevede 450 ore di contenuti che si snoderanno in tre aree diverse:

  • Arena: è lo spazio principale con 7 palchi, 4 aree workshop e un BarCamp; qui si potrà assistere ad interviste e talk ma nello stesso tempo ci si potrà divertire con Meet&Green e dj set;
  • Experience: è lo spazio adibito alla tecnologia innovativa tra robot, simulatori, VR, tornei e aree dedicate al gaming e all’eSport; verranno inoltre esposti progetti di maker, istituzioni e università;
  • Village: è la zona campeggio in cui ci si potrà rilassare nelle tende fornite dall’organizzazione e nelle infrastrutture dedicate al relax.

Campus Party: le personalità di rilievo

Saranno 350 gli speaker che saliranno sui palchi dell’imminente edizione del Campus Party. Si tratta di personalità importanti e di grande influenza in vari ambiti, tra cui è d’obbligo menzionare:

  • Guido Tonelli: fisico, scopritore del Bosone di Higgs;
  • Jon “Maddog’ Hall: Executive Director di Linux Foundation;
  • Edward Frenkel: Professore di Matematica alla UC Berkeley;
  • George Hotz: Hacker e Creative Consumer;
  • Lena de Winne: Ceo di Asgardia, la prima “nazione spaziale” della storia;
  • James Hughes: Executive Director dell’Institute for Ethics and Emerging Technologies ed autore di “Citizen Cyborg: Why Democratic Societies Must Respond To The Redesigned Human Of The Future”;
  • Fernando Ferroni: Presidente dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare;
  • Loretta Falcone: scienziata della Nasa.