Demosthenes,cum,inter initia iuventae,rhetoricae artis primam litteram dicere non posset,oris sui vitium studio expugnavit,ut ea a nullo expressius referretur.Deinde propter nimiam exilitatem acerbam auditu vocem suam exercitatione continua ad maturum et gratum sonum auribus perduxit.Lateris etiam firmitate defectus,vires a labore mutuatus est:multos enim versus uno spiritu complectebatur eosque adversa loca celeri gradu scandens pronuntiabat ac vadosis locis insistens declamationes fuctum fragoribus obluctantibus edebat.Dicunt quoque ori insertis calculis multum ac diu loqui solitum esse.

Traduzione

Demostene, non potendo dire la prima lettera dell’arte retorica, all’inizio della gioventù, con lo studio riuscì a togliersi questo vizio di pronuncia, di modo che essa non era pronunciata da nessuno in modo migliore. Poi, a causa della troppa esilità con il continuo esercizio condusse la propria voce brutta da ascoltare ad un suono maturo e gradevole alle orecchie. Sfiancato anche da una debolezza di polmone, derivò forze dalla fatica. Infatti con un solo respiro riusciva a pronunciare molti versi e li pronunciava salendo con passo veloce luoghi sfavorevoli.