Romani Germanorum terram asperam et foedam appellaverunt. Vero Germanorum terra amoena non erat: magnae et atrae erant silvae, horrida loca inculta, parum frugiferi agri, incertum caelum propter crebras nubes et asperos ventos. Germaniae incolae alti erat, caeruleos oculos et flavos capillos habebant. In parvis casis homines habitabant cum uxoribus liberisque; casae non saxo sed ligno aedificabantur. Deos non in templis, sed in lucis adorabant. Germani gloriae pugnabant et praedae avidi erant, itaque ab iis etiam parvis causis multa bella cum finitimis populis gerebantur. Cum viri liberi in bello erant, feminae auxilio servorum agros colebant. A Romanis multi milites in Germaniam missi sunt, qui terra in ripa sinistra Rheni fluvii occupaverunt; terrae autem in ripa dextera fere semper liberae fuerunt. Caesar cum Germanis dimicavit et de iis in De bello Gallico multa scripsit; eius pugnas legimus et eius militum virtutem accipimus.

Traduzione

I Romani definirono la terra dei Germani aspra e selvatica. In vero, la terra dei Germani non era amena: c’erano grandi e ombrosi boschi, orribili luoghi incolti, campi poco fertili, un clima inospitale a causa delle nubi dense e i freddi venti. Gli abitanti della Germania erano alti, avevano occhi azzurri e capelli biondi. Gli uomini abitavano in piccole case con mogli e figli; le case venivano costruite non di pietra ma di legno. Adoravano gli dèi non nei templi, ma nei boschi sacri. I Germani combattevano per la gloria e erano avidi di bottino, così, anche per cause futili, da essi si combattevano molte guerre con i popoli vicini. Quando gli uomini liberi erano in guerra, le donne con l’aiuto dei servi coltivavano i campi. Dai Romani furono mandati molti soldati in Germania, i quali occuparono le terre nella riva sinistra del fiume Reno; invece le terre sulla riva destra furono quasi sempre libere. Cesare combatté contro i Germani e scrisse molte cose su di loro nel De bello gallico; leggiamo le sue battaglie e accogliamo la virtù dei suoi soldati.