capuanus quidam, qui maximas divitias mercaturis sibi paraverat, cupiebat se elegantem et perpolitum hominem praebere apud cives suos. Cum olim in urbem pervenisset philosophus quidam, cuius fama nobilissima erat, eum ad cenam apud se invitavit mercator. Opulentissimum convivium adparaverat, in quo famuli cibos delicatos et equisitos ministrabant et pretiosissima et magnificentissima suppellex in mensa posita erat. Cum iam convivae ebrii essent, dominus imperavit servo ut vinum, quod nobilissimis hospitibus servaverat, praeberet.Tunc servus parvam ampullam adportavit et vinum philosopho ministravit. Cui mercator:”Vinum huius ampullaevetustissimum est. Quomodo id iudicas?”. “Optinum-inquit philosophus-atque exquisitum, sed pro (in confronto con)aetate sua parvum.

Traduzione

Un Capuanus (cerca), che si era procurato grandi ricchezze con i commerci, desiderava offrirsi un uomo elegante e (perpolitum) presso i suoi cittadini. Una volta essendo giunto in una città un filosofo, la cui fama era nobilissima, il mercante lo invitò a cena presso di lui. Aveva preparato un ricchissimo banchetto, in cui i servi servivano cibi delicati e squisiti e sulla mensa erano poste suppellettili assai preziose e magnifiche. Essendo i convitati già ubriachi, il padrone ordinò al servo di offrire del vino che aveva conservato per i più nobili ospiti. Allora il servo portò una piccola ampolla e versò il vino al filosofo. In che modo giudichi questo? Ottimo, disse il filosofo, e squisito ma poco in confronto alla sua età.