Apuleio

Apuleio: vita e opere

Lucio Apuleio (Madaura 125 circa – dopo 170 d.C.) fu uno scrittore latino. Compiuti gli studi di retorica a Cartagine, si trasferì ad Atene dove la sua cultura divenne varia, intrisa di sofismo e platonismo teosofico. Qui, inoltre, si iniziò ai culti misterici. Si spostò a Roma per un certo periodo ma poi tornò a Cartagine come brillante conferenziere. La data della sua morte è incerta, così come il luogo. L’episodio più famoso della sua vita fu il processo intentatogli dai parenti di Pudentilla, una ricca vedova che lui avrebbe sposato, grazie alla magia, per impadronirsi della sua dote. In quest’occasione Apuleio scrisse un’apologia (Apologia o Pro se de magia liber), pronunciata tra il 155 e il 158. Un’importante raccolta è costituita dai Florida, 23 orazioni tratte dalle sue declamazioni pubbliche. I Ludicra (versi scherzosi) sono perduti, mentre ci rimangono 3 opere filosofiche: De deo Socratis, De dogmate Platonis, De mundo. 

Apuleio: Metamorfosi o Asino d’oro

L’opera più famosa di Apuleio è l’Asino d’oro o Metamorfosi, l’unico romanzo della letteratura latina giuntoci per intero. L’opera è composta da 11 libri e il protagonista è Lucio, un ragazzo trasformato in asino che alla fine ritorna umano grazie alla dea Iside. I primi 10 libri si ispirano alle Metamorfosi di Lucio Patre, ma non sappiamo se anche le digressioni e novelle inserite nel racconto siano state ricavate da questa fonte. Il romanzo è carico di simbolismo e rimanda al cammino spirituale del protagonista: rappresenta, in sostanza, la caduta e la redenzione dell’uomo. L’XI libro è del tutto originale ed ha un sapore del tutto mistico e iniziatico.

 

Apuleio: vita e opere

La curiosa e versatile personalità di Apuleio domina la seconda metà del II secolo, rivelandosi il più autentico interprete dei gusti e delle nuove tendenze mistico-religiose. Oratore, filosofo, scienziato, conferenziere, egli scrive l’unico vero e proprio romanzo della letteratura latina che sia pervenuto integro. Apuleio: la vita Il prenome di Apuleio è ignoto; quello di […]

Florida, IV 20: traduzione

FLORIDA DI APULEIO, VERSIONE TRADOTTA – TESTO LATINO. Sapientis viri super mensam celebre dictum est:”Prima” inquit “creterra ad sitim pertinet secunda ad hilaritatem tertia ad voluptatem quarta ad insaniam”. Verum enimvero Musarum creterra versa vice quanto crebrior quantoque meracior tanto propior ad animi sanitatem. Prima creterra litteratoris rudimento excitat secunda grammatici doctrina instruit tertia rhetoris […]

Alessandro Magno si fece ritrarre solo da grandi artisti: traduzione

FLORIDA DI APULEIO, VERSIONE DI LATINO TRADOTTA – TESTO LATINO. Alexandro, longe omnium excellentissimo regi, cognomentum Magnus inditum est, ne ille vir gloriosissimus sine laude ominaretur. Nam solus Alexander fortuna sua maior fuit et successus eius amplissimos provocavit, quia maxime strenus fuit. Eius igitus Alexadri multa sublimia facinora sunt, sed unum in primis praeclarum: nam […]

I più grandi generali romani della seconda guerra punica: traduzione

FLORIDA DI APULEIO, VERSIONE DI LATINO I PIU’ GRANDI GENERALI ROMANI DELLA SECONDA GUERRA PUNICA TRADOTTA – TESTO LATINO. Tertìam apud Trasimenum, vastato Flamini exercitu; quartam apud Cannas, deletis duobus ( = “due”) exércitibus Pauli consulis. Quem inter Romanos duces Punici belli gloriam sibi vindicantes insigniorem indicare possumus? Utrum Fabium Cunctatorem, qui imminentem urbi Hannibalem […]

Metamorfosi IV, 28: traduzione

METAMORFOSI DI APULEIO, VERSIONE TRADOTTA – TESTO LATINO. Erant in quadam civitate rex et regina. Hi tres numero filias forma conspicuas habuere, sed maiores quidem natu, quamvis gratissima specie, idonee tamen celebrari posse laudibus humanis credebantur, at vero puellae iunioris tam praecipua, tam praeclara pulchritudo nec exprimi ac ne sufficienter quidem laudari sermonis humani penuria […]

Metamorfosi IV, 29: traduzione

METAMORFOSI DI APULEIO, VERSIONE DI LATINO TRADOTTA – TESTO LATINO. Sic immensum procedit in dies opinio, sic insulas iam proxumas et terrae plusculum provinciasque plurimas fama porrecta pervagatur. Iam multi mortalium longis itineribus atque altissimis maris meatibus ad saeculi specimen gloriosum confluebant. Paphon nemo, Cnidon nemo ac ne ipsa quidem Cythera ad conspectum deae Veneris […]

Metamorfosi IV, 30: traduzione

METAMORFOSI DI APULEIO, VERSIONE DI LATINO TRADOTTA – TESTO LATINO. “En rerum naturae prisca parens, en elementorum origo initialis, en orbis totius alma Venus, quae cum mortali puella partiario maiestatis honore tractor et nomen meum caelo conditum terrenis sordibus profanatur! Nimirum communi numinis piamento vicariae venerationis incertum sustinebo et imaginem meam circumferet puella moritura. Frustra […]

Una banda di ladroni: traduzione

METAMORFOSI DI APULEIO, VERSIONE DI LATINO TRADOTTA – TESTO LATINO. Narrat Apuleius fabulam mirificam da Lucio, incauto nimiumque curioso iuvene. Lucius quondam in Thessalia magae, inscius, hospes erat et in asinum conversus est multaque pericola subiit. Postea denuo Isidis deae auxilio homo factus est et casus suos narravit. Primus omnium raptus asini a latronibus fuit: […]