Cosa significa deambulare? Eccone spiegate dettagliatamente origine, definizione e curiosità. Continuate a leggere.

Etimologia e significato di deambulare

Il termine deambulare, dal latino deambulare, composto di de– e ambulare, camminare, vuol dire proprio passeggiare (generalmente con calma e senza una meta precisa; con sfumatura scherzosa, sgranchirsi le gambe andando a passeggio). La deambulazione, infatti, è definita come la capacità dell’uomo e dei vertebrati superiori di spostarsi da un luogo verso un altro.

Passato remoto di deambulare

In quanto alle coniugazioni, probabilmente il verbo può mettere in crisi. In particolare, il passato remoto di deambulare è: io deambulai, tu deambulasti, lui/lei deambulò, noi, deambulammo, voi deambulaste, essi deambularono.

Il participio presente del verbo, deambulante, è talvolta usato impropriamente col significato «che cammina, che ha la capacità di camminare» (per lo più in contesti negativi), con riferimento a soggetti con problemi fisici: nei mezzi pubblici, ad esempio, spesso si trovano cartelli con l’espressione “posti riservati a passeggeri non deambulanti”.

Sinomimo di deambulare

Sinonimi di deambulare, quindi, possono essere considerati i termini passeggiare e camminare ma anche, in senso più lato, girellare, gironzolare, girare, camminare lentamente, vagabondare, vagare, andare a spasso (o a passeggio, o in giro), andare a zonzo.

Frasi con deambulare

Frasi di esempio con il termine deambulare sono:

  • Tutti e tre ricominciarono a deambulare senza che l’Inglese potesse accorgersi delle manovre dei due pretendenti.
  • Cesare entra nella conversazione perché gli secca che Machiavelli, il quale continua a deambulare, parli come a se stesso.
  • In seguito all’infortunio sul lavoro, per il mio amico vennero progettati degli stampelloni senza i quali gli era impossibile deambulare.

Approfondisci anche questi termini:

photo credit: [ changó ] via photopin cc