Ponte del 2 Giugno all’estero: dove andare

Quello del 2020 sarà un ponte del 2 giugno complicato, visto che gli spostamenti sono ancora limitati a causa dell’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus in Italia e anche nel resto del mondo. Per questo motivo è impossibile andare all’estero, ma in realtà non si può andare nemmeno fuori dalla propria regione di appartenenza. Fuori regione si può andare solo per esigenze lavorative comprovate, situazioni di necessità e motivi di salute che devono essere certificati con un modulo di autocertificazione per giustificare il viaggio.

Ponte del 2 Giugno all'estero: dove e come ci si potrà muovere

Ponte del 2 Giugno all’estero: dove ci si potrà muovere

Così come per andare fuori regione anche per andare all’estero ci si può muovere solo per esigenze lavorative comprovate, situazioni di necessità e motivi di salute con annessa autocertificazione. Ogni Paese poi ha regole diverse, tuttavia per uscire dall’Italia senza problemi, secondo il DPCM del 17 maggio, bisognerà aspettare il 3 giugno, quindi purtroppo il ponte sarà già passato.

Leggi anche:

Ponte del 2 Giugno all’estero: come ci si potrà muovere

Ma come ci si potrà muovere all’estero? Resta vietato fare assembramenti, inoltre bisogna tenere la distanza di sicurezza di uno o due metri per evitare il contagio in caso di persona (a sua insaputa) infetta. Inoltre tra i primi consigli per un viaggio sicuro ricordiamo gli accorgimenti che andavano seguiti anche prima: lavarsi molto spesso le mani, usare l’acqua nelle bottiglie e indossare le mascherine. Mi raccomando, non toccatevi la faccia con le mani ed evitate di togliere la mascherina in pubblico.

Potrebbe interessarti anche: Come organizzare un viaggio dopo il Coronavirus: 8 consigli