Tibullo

Tibullo, vita e opere

Sono poche e incerte le notizie biografiche su Albio Tibullo, il poeta elegiaco che viene descritto da Orazio nell’epistola 1,4 bello, dotato di ogni bene, ma che si aggira nella campagna di Pedum assorto in penosi pensieri, come “un corpo senz’anima”. Tibullo nacque nel Lazio, e probabilmente fu di famiglia equestre. Secondo alcuni nacque nel villaggo di Gabii, mentre la data di nascita si aggira intorno a 54 a.C., mentre quella di morte tra il 19 e il 18 a.C. A Roma fece parte del circolo di Messalla Corvino e con Messalla partecipò a due spedizioni militari: una in Oriente, durante la quale si fermò, malato. a Corcira (Corfù); un’altra in Aquitania, dove si distinse per meriti militari.

Il Corpus Tibullianum

Dai codici ci sono stati trasmessi tre libri di elegie: i primi due sono sicuramente di Tibullo. Il primo libro è composto da dieci elegie ed è stato composto tra il 30 e il 25 a.C. Argomento centrale è l’amore per Delia. Il secondo libro è composto da sei elegie ed è dedicato ad un’altra donna, chiamata con uno pseudonimo, Nemesi: una vendetta nei confronti di Delia, che ha tradito il poeta. Per quanto riguarda il libro terzo, gli umanisti l’hanno diviso in due parti: la prima parte è una raccolta di sei elegie che un autore chiamato Ligdamo dedica alla sua Neera. La seconda parte contiene un Panegyricus Messallae, undici elegie incentrate sull’amore tra Sulpicia e Cerinto, due componimenti attribuiti a Tibullo giovane (un’elegia per una ragazza, un epigramma).

Consulta anche:
Approfondimento su Tibullo

Tibullo

[T2]La Vita[/T] Scarse sono le fonti da cui è possibile desumere notizie sulla vita di Albio Tibullo, poeta elegiaco latino di età augustea. Il frammento sotto riportato, estratto da una Vita anonima (tradizionalmente attribuita a Svetonio come passo del suo De Poetis), ci fornisce una verosimile collocazione cronologica del poeta: Tu quoque Virgilio comitem, non […]

Libro 1, Par. 1

Versione Tradotta Libro 1 Par. 1 delle Elegie di Tibullo Divitias alius fulvo sibi congerat auro Et teneat culti iugera multa soli, Quem labor adsiduus vicino terreat hoste, Martia cui somnos classica pulsa fugent: Me mea paupertas vita traducat inerti, Dum meus adsiduo luceat igne focus. Ipse seram teneras maturo tempore vites Rusticus et facili […]

Libro 1, Par. 3

Versioni tradotte delle Elegie di Tibullo: Libro 1 Paragrafo 3 Ibitis Aegaeas sine me, Messalla, per undas, O utinam memores ipse cohorsque mei. Me tenet ignotis aegrum Phaeacia terris, Abstineas avidas, Mors, modo, nigra, manus. Abstineas, Mors atra, precor: non hic mihi mater Quae legat in maestos ossa perusta sinus, Non soror, Assyrios cineri quae […]

Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 1-22

Ibitis Aegaeas sine me, Messalla, per undas, o utinam memores ipse cohorsque mei! Me tenet ignotis aegrum Phaeacia terris: abstineas avidas, Mors, modo, nigra, manus; abstineas, Mors atra, precor: non hic mihi mater quae legat in maestos ossa perusta sinus, non soror, Assyrios cineri quae dedat odores et fleat effusis ante sepulcra comis, Delia non […]

Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 35-50

Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 35-50: versione tradotta in italiano Quam bene Saturno vivebant rege, priusquam tellus in longas est patefacta vias! Nondum caeruleas pinus contempserat undas, effusum ventis praebueratque sinum, nec vagus ignotis repetens compendia terris presserat externa navita merce ratem. Illo non validus subiit iuga tempore taurus, non domito frenos ore momordit equus, […]

Corpus Tibullianum , I, 3, VV. 51-68 e 81-84

Parce, pater: timidum non me periuria terrent, non dicta in sanctos impia verba deos. Quod si fatales iam nunc explevimus annos, fac lapis inscriptis stet super ossa notis: hic iacet immiti consumptus morte Tibullus, Messallam terra dum sequiturque mari. Sed me, quod facilis tenero sum semper Amori, ipsa Venus campos ducet in Elysios. Hic choreae […]

Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 85-94

Versione tradotta del Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 85-94 Haec tibi fabellas referat positaque lucerna deducat plena stamina longa colu; at circa gravibus pensis adfixa puella paulatim somno fessa remittat opus. Tunc veniam subito, nec quisquam nuntiet ante, sed videar caelo missus adesse tibi; tunc mihi, qualis eris longos turbata capillos, obvia nudato, Delia, curre […]