Mercoledì 15 dicembre 2021 andrà in onda in diretta su Rai 1 la finale di Sanremo Giovani: due dei dodici artisti in gara verranno proclamati vincitori e saliranno sul palco del Teatro Ariston il prossimo febbraio insieme ai Big già annunciati. Scopriamo ora chi è Senza_Cri!

Leggi anche:

Chi è Senza_Cri?

Cantautrice brindisina, classe 2000, Senza_Cri, dopo la pubblicazione del singolo “Tu sai” lo scorso agosto, sta ora terminando il suo primo EP dal titolo “Salto nel vuoto”. “Le storie sono quelle che mi interessa raccontare. Nei miei testi canto i miei ricordi e le mie vicende, ma alla fine i sentimenti sono quelli di tutti, parlo di me ma anche di persone diversissime da me: amori bellissimi e amori impossibili, voglia di vivere e voglia di combattere, ma anche le cose che non avevi proprio previsto come il dolore per una persona cara che non c’è più o le ferite di un amore molesto”, dichiara la stessa giovane artista.

A me di Senza_Cri: testo

Ecco il testo ufficiale di A me di Senza_Cri:

Questa la dedico a me
Perché ci convivrò sempre
Con questo mio corpo
Che a volte nascondo
Con questa mia testa
Che gira al secondo
Cristiana tu piangi
Sai che ti fa bene
E respira piano
Come un’onda che sale
E poi si trascina
Ora che sei una donna
Ma resti bambina

Lo sai che il cielo visto
All’orizzonte
Ha un non so che di quelle tue risposte
Che dai per ogni tuo momento storto che dimenticherai

Lo sai che cadrai altre cento volte
E che se anche tu hai le gambe corte
In alto arriverai
Credici sempre, dai

Se fossi una cosa saresti una penna
Che scrive così in fretta e che poi non si ferma
Un palazzo grande che tocca il cielo
Ma non crolla mai
Se per una volta non restassi sola
Potresti trovarti dentro ogni persona
Spegnere il bottone del tuo cuore in piena
E amarti come sei

Basta pensare anche che
Il sole è solo si, come te
Ma al tramonto brucia
E incontra la luna
Più bella che c’è

Lo sai che in fondo non sai fare a botte
Che a malapena sfiori le tue corde
Che assecondi la tristezza sempre
E lei non ti lascia mai

Se fossi una cosa saresti una penna
Che scrive così in fretta e che non si ferma
Un palazzo grande che tocca il cielo
Ma non crolla mai
Se per una volta non restassi sola
Potresti trovarti dentro ogni persona
Spegnere il bottone del tuo cuore in piena
E amarti come sei

Mi piace se ridi
Se parli del mondo
Se cerchi i tuoi angoli
Ma poi ti accorgi
Che tanto è rotondo
Tu che nelle cose scavi sempre a fondo
Come fosse un fosso
E resti contenta
Anche quando rimani
Sdraiata in un pozzo
Di brutti pensieri
Ma adesso dai sveglia
Era un brutto sogno

Se fossi una storia tu saresti questa
Ogni tanto esci via dalla tua testa
So che picchia forte
Che ti fa male
Ma passerà
Se fossi una cosa saresti una penna
Che scrive così in fretta e che non si ferma
Un palazzo grande che tocca il cielo
Ma non crolla mai
Se per una volta non restassi sola
Potresti trovarti dentro ogni persona
Spegnere il bottone del tuo cuore in piena
E amarti come sei