Lavorare a Berlino: cosa sapere

Vi ha sempre affascinato l’idea di trasferirvi a Berlino e cercare lavoro lì? Oggi abbiamo iniziato la nostra gioornata pensando proprio a questa capitale europea e alle opportunità che può dare a chi voglia cambiare la propria vita iniziando trasferendosi in una città nuova. Prima di fare un passo del genere, però, è importante conoscere tutto quello che c’è da sapere, dalla burocrazia alle varie regole e noi oggi vogliamo condividere con voi tutto quello che sappiamo a riguardo.

Non perderti: Lavorare all’estero: professioni più cercate

Lavorare a Berlino: l’Anmeldung

Se volete andare a lavorare in Germania non potete non avere l’Anmeldung; di cosa si tratta? E’ l’iscrizione all’anagrafe di un Comune in Germania, che dimostri la vostra permanenza sul suolo tedesco. In Germania infatti non c’è una netta distinzione, come in Italia, tra domicilio e residenza, ma si parla appunto di Anmeldung. Se si vuole lavorare in Germania, si deve dimostrare di vivere in Germania. L’anmeldung infatti è considerata la prima cosa da fare una volta arrivati in una città tedesca. Per registrarsi è necessario recarsi personalmente in Comune, muniti di un documento di identità in corso di validità e di un modulo compilato dal proprietario dell’appartamento in cui abitate che dimostri che effettivamente siete in affitto dove sostenete di vivere.

Lavorare a Berlino: l’assicurazione sanitaria

L’iscrizione presso il Comune tedesco fa scattare automaticamente l’obbligo di avere una copertura sanitaria presso una delle casse malattia tedesche chiamane Krankenkassen, e dunque sarà necessario andare ad iscriversi. Per un periodo di tempo molto breve si potrà fare affidamento sulla tessera sanitaria italiana. Quest’ultima però garantisce l’accesso esclusivamente a situazioni di emergenza e non copre i costi delle visite mediche, che verranno fatturate direttamente al paziente se non si è titolari di copertura assicurativa tedesca. Quando si inizierà un lavoro come dipendente, il datore di lavoro pagherà la cassa malattia per l’impiegato e il lavoratore ne pagherà un’altra parte tramite il suo stipendio.

Leggi anche: