Alcide de Gasperi: tutto quello che c’è da sapere

Alcide de Gasperi  è ritenuto uno dei padri fondatori della Repubblica Italiana e non solo. Accanto al suo nome potremmo associare anche cognomi di un calibro elevatissimo come Adenauer e  Schuman, considerati i padri fondatori dell’Unione Europea. E’ una delle figure fondamentali per la storia della politica Italiana. Attivista anche nel periodo delle grandi guerre, di certo fu uno dei primi ad inserirsi nella Politica Italiana, arrivando poi a proclamare il bel paese, in Repubblica.

Se hai fatto la Prima Prova di Maturità su De Gasperi probabilmente ti interesserà: Tema svolto La “distensione” in Italia di Moro e De Gasperi | Traccia Prima Prova 2018

de gasperi

Alcide de Gasperi : biografia Breve

Alcide Amedeo Francesco De Gasperi nasce a  Tesino, 3 aprile 1881 e muore a Borgo Valsugana il  19 agosto 1954, è stato uno dei politici Italiani più importanti. La sua vita personale e il suo essere furono profondamente indirizzati ad un ruolo politico, che ovviamente, ancora oggi, viene ricordato con ammirazione. Fece dell’Italia una Repubblica e gettò le basi per l’ineguagliabile Costituzione Italiana. Infatti fu uno dei firmatari più importanti della Costituzione Italiana, e come lui stesso affermava, in una celebre frase, “politica significa realizzare”. La sua formazione politica inizia proprio dal Trentino, dalla sua terra d’origine, in cui per un periodo, fu capo direttore di un giornale.  Ed è all’ora che si dedica totalmente alla vita politica, e scrisse una serie di articoli, ancora oggi ricordati in cui difendeva a spada tratta, l’autonomia culturale del Trentino a fronte del Tirolo tedesco, ma non mise mai in discussione l’appartenenza di tutto il Tirolo all’Impero austro-ungarico. Argomento toccante nel periodo in cui egli nasce e vive.

Alcide De Gasperi:  carriera politica

Firmatario della Costituzione Italiana, fu uno dei primi politici Italiana, che al termine della guerra si mise in campo per ottenere la pace e  la libertà del paese. Ancor prima della fine della Seconda Guerra Mondiale, De Gasperi contribuì alla fondazione del partito della Democrazia Cristiana, che eredita le idee e l’esperienza del Partito Popolare di don Sturzo. Il leader democristiano s’impegnò per creare un partito di massa che tenne  insieme le diverse anime del movimento cattolico, ed occupò il centro dello schieramento politico e che sia interclassista. Dal 1945 De Gasperi favorì in tutto e per tutto determinate alleanze di Governo che portarono, L’Italia a favorire l’adesione al Patto Atlantico, ovvero la NATO.  Partecipando in più alle prime consultazioni che avrebbero condotto all’unificazione economica dell’Europa. La sua importanza non fu rilevante solamente nella politica Italiana, ma anche nella religione Cattolica Cristiana, tanto che è venerato dalla Chiesa Cattolica come Servo di Dio.

Leggi anche: Saggio Breve sulla Costituzione Italiana