Sergio Mattarella è stato rieletto proprio in questi giorni Presidente della Repubblica con una maggioranza di 759 voti. A decidere di riconfermarlo è stato il parlamento, nonostante le sue reticenze. Così dopo botta e risposta durati giorni: ci siamo sarà lui ad accompagnarci per ancora sette anni. Anche al primo mandato fu eletto di sabato, ma i voti erano meno, 665 voti per la precisione. Oggi è il Presidente più votato di sempre, dopo Pertini che prese 823 preferenze. In questi giorni dentro e fuori scuola non si fa che parlare di questo: il Presidente della Repubblica; ecco perché è scontato che possa presto diventare oggetto di interrogazioni ed esami! Quali domande potresti ricevere? Scopriamole insieme!

Domande e Risposte sul Presidente della Repubblica

  1. In base alla Costituzione italiana, quanti anni dura il mandato del Presidente della Repubblica? Il mandato dura sette anni a partire dal momento del giuramento alla Costituzione. Il Presidente può essere poi rieletto per altri 7 anni, ma non dalle stesse Camere, che hanno mandato quinquennale. La Costituzione Italiana non prevede un limite al numero di mandati.
  2. Che lavoro svolge il Presidente della Repubblica? Ha un potere neutro, svincolato dalla politica. Svolge una funzione di sorveglianza e coordinamento ed è Garante della Costituzione.
  3. Il Presidente della Repubblica può nominare i senatori? Il Presidente della Repubblica può nominare 5 senatori a vita, tra i cittadini che hanno recato onore alla Patria in campo sociale, scientifico, artistico e letterario.
  4. Chi elegge il Presidente della Repubblica? Il Presidente della Repubblica è eletto dal parlamento in seduta comune; e cioè dalla Camera dei deputati (630 deputati) e dal Senato della Repubblica (321 senatori, compresi sei senatori a vita: Giorgio Napolitano, presidente emerito della Repubblica, Mario Monti, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia, e Liliana Segre) a cui si aggiungono i 58 delegati eletti dai Consigli regionali.
  5. Chiunque può diventare Presidente della Repubblica? La risposta è no! Esistono dei requisiti minimi: essere cittadini del nostro Paese, aver compiuto cinquant’anni d’età e godere dei diritti civili e politici. Inoltre non puoi avere un’altra carica dello Stato (per esempio, se fosse stato eletto Mario Draghi, non avrebbe potuto essere contemporaneamente Presidente del Consiglio e della Repubblica).
  6. Il Presidente della Repubblica ha il potere di far scarcerare un detenuto? Il Presidente della Repubblica ha il potere di concedere la grazia qualora chi la richieda sia in possesso di determinati requisiti. Si tratta comunque di un processo lungo che prevede numerose pratiche burocratiche da espletare.