Cosa vuol dire intonso? Termine non troppo utilizzato nel linguaggio quotidiano nasconde, in realtà, un significato piuttosto comune. Ecco quale.

Etimologia e significato di intonso

L’aggettivo intonso deriva dal latino intonsu(m), composto di in tonsus, participio passato di tondere ‘radere, tosare’, che non è stato tagliato.

In senso figurato, indicando un libro a cui non sono state tagliate le piegature dei fogli, per estensione, quindi, non ancora letto.

Sinonimo di intonso

A quanto detto, quindi, sinonimi di intonso possono essere considerati i termini intatto, non raffilato, non rifilato, non tagliato, non tosato, non usato, nuovo.

Contrari sono, invece, danneggiato, sgualcito, usato.

Esempi di utilizzo di intonso

Alcuni esempi di utilizzo dell’aggettivo intonso, sono:

  • “Chioma intonsa”
  • “Pagine intonse”
  • “Piatto intonso”
  • “Libro intonso “
  • “Lasciare intonso”

Frasi con intonso

Alcune frasi che contengono il termine intonso sono, invece15:

  • Il cielo adesso s’è schiarito, è di un intonso blu lapislazzulo.
  • C’era un’agenda che imbustò accuratamente e un blocco per gli appunti intonso.
  • Notò la moquette consunta dei gradini, particolare che stonava con l’ambiente intonso.
  • Per un paio di giorni il libro restò sul tavolo intonso, poi lei cominciò a sfogliarlo.
  • Interpretando correttamente i suoi sguardi famelici, gli passai senza tante cerimonie il mio vassoio quasi intonso.

Leggi anche: