Tommaso Campanella: tutto sulla vita, le opere e il pensiero

Oggi vi vogliamo parlare di Tommaso Campanella, grande filosofo, poeta, teologo e frate italiano. Sicuramente è un nome che avete già sentito nominare, ma per togliere ogni dubbio, oggi ci rinfreschiamo tutti un po’ la memoria, dando spazio al ricordo di questo grande pensatore che ha lasciato un segno nella storia dell’umanità, dal punto di vista politico, filosofico e anche religioso.

Tommaso Campanella: la vita

Tommaso Campanella nasce a Stilo, in Calabria, nel 1568, il suo vero nome è Gian Domenico, ma entrando molto giovane nell’ordine domenicano a Napoli, assume il nome di Tommaso. A causa delle sue idee filosofiche, è vittima di una serie di processi per eresia e di imprigionamenti che durarono dal 1592 al 1598. Ritornato in Calabria tenta di realizzare una repubblica universale a carattere teocratico; il modello a cui si ispira è descritto nella Città del sole del 1602. Le sue intenzioni di rovesciare la dominazione spagnola nell’Italia meridionale vennero ben presto scoperte e fu condannato a una carcerazione che durerà ventisette anni, durante la quale egli ebbe modo di scrivere le sue opere principali, tra cui la monumentale Teologia e una Metafisica. Nel 1626 il governo spagnolo lo liberò e fu affidato alla custodia del Sant’Uffizio di Roma, e visse a Parigi fino al 1639.

Tommaso Campanella: le opere

Durante la sua vita e la sua carriera da filosofo, politico, teologo e poeta scrisse diverse opere, noi abbiamo scelto di mostrarvi le più significative:

  1. La Philosophia sensibus demonstrada: in quest’opera Campanella ribadisce la sua adesione al naturalismo di Telesio distaccandosene, però, in quanto le leggi della natura non mantengono più la loro autonomia, come in Telesio, ma sono spiegate dall’azione creatrice di Dio, dal quale deriva anche l’ordine provvidenziale che governa l’universo;
  2. De sensu rerum et magia: nelle opere di Campanella i tre principi, materia, caldo e freddo, di cui è composta la natura, sono frutto della creazione divina e le tre nature divine costituiscono il triplice carattere di ogni essere;
  3. La città del sole:  la città che viene descritta è una città ideale, utopica, ed è governata da un re-sacerdote volto al culto del Dio Sole.

Tommaso Campanella: il pensiero dell’autore

Il pensiero di Campanella prende le mosse dal pensiero di Telesio, in particolare per quanto riguarda il naturalismo. La natura va conosciuta nei suoi tre principi: caldo, freddo e materia. Dato che tutti gli essere sono dotati di questi tre principi, secondo Telesio, ad esempio, anche i sassi possono conoscere. Per Campanella i sassi conoscono, e lo da per certo, perché nei sassi si trovano i principi di caldo, freddo e massa corporea.

Per saperne di più, leggi: