Albinismo: le cause della malattia

L’albinismo è un’anomalia ereditaria caratterizzata da scarsa o assente pigmentazione di melanina nella pelle, negli occhi, nei capelli e nei peli. È causata da un’assenza o un difetto dell’enzima tirosinasi ovvero l’enzima coinvolto nella sintesi della melanina. Un individuo affetto da questo difetto enzimatico è definito albino, mentre chi presenta una quantità di melanina ridotta ma non completamente assente viene definito albinoide. L’albinismo può presentarsi in forme diverse:

  • l’albinismo totale è caratterizzato da pelle totalmente bianca, capelli quasi bianchi o giallo paglierino, occhi grigio-bluastri o rosei;
  • l’albinismo parziale consiste nella mancanza di pigmentazione limitata a piccole zone come un ciuffo di capelli, una zona cutanea o a uno solo degli occhi;
  • l’albinismo oculo-cutaneo riguarda tutto il corpo e si manifesta all’incirca in un neonato ogni 35 mila;
  • l’albinismo oculare che colpisce solo il pigmento nella retina e si manifesta in un neonato ogni 15 mila.

Albinismo: le superstizioni

Nel mondo in media una persona ogni 20 mila abitanti viene colpita da albinismo, ad eccezione dell’Africa in cui il tasso di incidenza è nettamente più alto. In particolare in Zimbabwe si stima che il rapporto sia di 1 a 4 mila, così come in Tanzania dove una persona ogni 1.429 abitanti è albina. Dato lo scarso livello di istruzione e di assistenza medica, in queste zone africane l’albinismo da secoli è correlato a miti e superstizioni che non hanno nessuna spiegazione scientifica. Per molte popolazioni del luogo, le persone affette da albinismo sono dotate di poteri magici e le parti del loro corpo portano fortuna e successo. Di conseguenza molti medici stregoni o guaritori tradizionali creano talismani porta fortuna e bevande magiche sfruttando arti, pelle e capelli degli albini grazie al mercato nero di tali parti del corpo.

Albinismo: le discriminazioni

Mentre in alcune zone dell’Africa si crede che gli albini siano dotati di poteri magici, in altre parti del continente tutti coloro che sono affetti da tale anomali vengono considerati portatori di sventura e chiamati ‘zeru zeru’, termine che in swahili significa ‘fantasma’ o ‘invisibile’. Per questo motivo tali individui sono soggetti a isolamento dalla vita sociale, povertà e mancato diritto all’istruzione. Gli albini adulti, di conseguenza, hanno molta difficoltà a trovare lavoro tanto che nella maggior parte dei casi non riescono ad avere una vita indipendente ed autonoma.

Non perdere: