Flirtare: cosa vuol dire?

Flirtare. Una parola che in tanti usano, ma che magari i più giovani alle prime esperienze con l’amore ancora non conoscono. Dizionario alla mano. “Intrattenere una relazione amorosa superficiale, passeggera; amoreggiare/Adoperarsi per stabilire rapporti, intese, anche occasionali”. In parole povere flirtare vuol dire creare un gioco con con l’altra persona in cui ci si corteggia a vicenda, a volte senza ammettere che si ci sia un vero e proprio interesse. Si tratta di allusioni continue per lasciare intendere di essere interessato all’altro. Se l’altro poi risponde con la stessa moneta probabilmente l’interesse è reciproco.

Flirtare: cosa vuol dire e come fare

Flirtare: come fare

Flirtare con un’altra persona dovrebbe avvenire in maniera del tutto naturale e leggera. Senza troppi pensieri. Prima di tutto bisogna capire se anche dall’altra parte c’è interesse. Bisogna iniziare facendo battutine, cercando di stuzzicare l’interlocutore. Se l’altra persona non reagisce, probabilmente non ha lo stesso interesse; al contrario se si comporta nello stesso modo, creando un botta e risposta, evidentemente avete fatto centro. È necessario creare una conversazione leggera, che non appesantisca il momento. Meno logica c’è e più si dà spazio alle emozioni. Molto importante è il linguaggio del corpo: è fondamentale guardarsi negli occhi ed avere un certo contatto fisico. Avvicinarsi piano piano, senza però farlo troppo in fretta. La lentezza dei gesti è fondamentale.

Flirtare: consigli infallibili

La seduzione al primo posto. Il potere del rosso, poi, è reale: le donne risultano più sexy con labbra rosse o look total red. L’importante è non esagerare. Un altro aspetto importante è quello di farsi desiderare: perché non uscire di scena proprio sul più bello? Un modo per creare delle aspettative nell’altra persona. Buttatevi e provate, solo così potrete affinare le tecniche per il futuro!

Leggi anche: