Smalto permanente: che cos’è

Per avere unghie impeccabili il cui colore duri il più a lungo possibile, è consigliabile optare per l’applicazione dello smalto permanente. Si tratta di un tipo di ricostruzione unghie che si realizza con prodotti specifici all’interno di un centro estetico. L’applicazione dello smalto permanente richiede passaggi ben precisi e grande manualità, in quanto le unghie devono essere perfettamente livellate attraverso la limatura. È questo il caso in cui l’unghia naturale può essere anche allungata con tip o cartine, ricostruita se è spezzata o sfaldata, resa dura e resistente se è particolarmente fragile e debole. La qualità dello smalto permanente è molto alta grazie al gel utilizzato che protegge l’unghia dalle rotture o da piccoli traumi accidentali. Per questo motivo la durata assicurata è molto lunga e, di conseguenza, la rimozione è più difficile e va effettuata solo con una fresa.

Smalto semipermanente: che cos’è

Lo smalto semipermanente è un prodotto cosmetico fotoindurente, ovvero che si indurisce con il calore, e che si applica sulle unghie come un classico smalto. Mediamente dura due settimane in più rispetto a quello tradizionale ma molto di meno rispetto a quello permanente. L’applicazione è molto semplice e può essere effettuata anche da chi non è una professionista: una volta steso sulle unghie, lo smalto semipermanente va polimerizzato sotto una lampada specifica per 15-20 minuti al massimo. La sua rimozione è molto veloce: non c’è bisogno di utilizzare una fresa ma un semplice solvente per unghie.

Smalto permanente e semipermanente: quali sono le differenze

A secondo delle proprie esigenze si può optare per lo smalto permanente o semipermanente. Per effettuare la scelta migliore, è importante tener conto delle principali differenze tra i due trattamenti:

  • costo: la differenza economica è molto alta in quanto lo smalto semipermanente costa mediamente 20 euro mentre quello permanente varia dai 40 ai 60 euro;
  • durata: lo smalto permanente può durare anche più di un mese, mentre quello semipermanente ha una durata massima di 15 giorni;
  • salute: lo smalto permanente è molto più aggressivo di quello semipermanente e può indebolire o rovinare le unghie.

Leggi anche: