Catullo

Catullo, biografia del poeta

C. Valerio Catullo nacque a Verona nell’87 a.C. Intorno al 65 si trasferì a Roma dove conobbe Clodia, moglie di Metello Celere e sorella dell’acerrimo nemico di Cicerone, Clodio. La donna, bella e crudele, viene celebrata nella poesia di Catullo con il nome di Lesbia. Nel 57 seguì n Bitinia il propretore Caio Memmio e durante il viaggio visitò nella Troade la tomba del fratello. Lesbia fu la donna che il poeta amò tutta la vita ma che nello stesso tempo odiò. Più grande di lui, spregiudicata, ma nello stesso tempo colta e affascinante, fece innamorare follemente il poeta facendogli però sperimentare anche la sofferenza per i continui tradimenti e capricci. I carmi di Catullo ci riportano cronologicamente tutte le fasi di questa storia tormentata che vedeva da un lato il poeta che viveva l’amore come un patto eterno e dall’altro Lesbia, incostante e superba. La donna viene quindi idealizzata e la sua figura assorbe completamente le energie del poeta. Secondo Girolamo, Catullo morì a 30 anni, intorno al 57 a.C., anche se alcuni riferimenti alla spedizione di Cesare in Britannia ci inducono a spostare la data almeno verso il 54.

Il Liber di Catullo

Il liber di Catullo contiene 113 carmi suddivisi in tre sezioni:

  • nugae, carmi brevi e leggeri di vario metro
  • carmina docta, composizioni poetiche più impegnative e più lunghe
  • epigrammi, in distici elegiaci e legati ad argomenti di vita quotidiana

Le poesie di Catullo sono caratterizzate da uno stile vario: la lingua passa dall’essere triviale a dolce, conosce la durezza dell’invettiva e i tratti popolareschi. Il metro si adatta costantemente allo stato d’animo.

Catullo

Catullo è il più grande e geniale dei neóteroi e in assoluto uno dei maggiori poeti latini. Egli pone al centro della sua poesia se stesso e i propri sentimenti, pronto a cantare con versi eterni le gioie e le delusioni d’amore, ma anche a lanciare pesanti invettive contro gli avversari. Le sue liriche sono […]

Citazione Catullo

Odio e amo. Potete pure chiedermi perché: io non lo so. Non lo so, ma lo sento e mi torturo.

Carme 1

Carme 1 di Catullo: versione tradotta Cui dono lepidum novum libellum arida modo pumice expolitum? Corneli, tibi: namque tu solebas meas esse aliquid putare nugas iam tum, cum ausus es unus Italorum omne aevum tribus explicare cartis doctis, Iuppiter, et laboriosis. quare habe tibi quidquid hoc libelli qualecumque; quod, o patrona virgo, plus uno maneat […]

Carme 16

Pedicabo ego vos et irrumabo, Aureli pathice et cinaede Furi, qui me ex versiculis meis putastis, quod sunt molliculi, parum pudicum. nam castum esse decet pium poetam ipsum, versiculos nihil necesse est; qui tum denique habent salem ac leporem, si sunt molliculi ac parum pudici, et quod pruriat incitare possunt, non dico pueris, sed his […]

Carme 32

Amabo, mea dulcis Ipsitilla, meae deliciae, mei lepores, iube ad te veniam meridiatum. et si iusseris, illud adiuvato, ne quis liminis obseret tabellam, neu tibi lubeat foras abire, sed domi maneas paresque nobis novem continuas fututiones. verum si quid ages, statim iubeto: nam pransus iaceo et satur supinus pertundo tunicamque palliumque.

Carme 48

Mellitos oculos oculos tuos, Iuventi, si quis me sinat usque basiare, usque ad milia basiem trecenta nec numquam videar satur futurus, non si densior aridis aristis sit nostrae seges osculationis.

Carme 62

Vesper adest, iuvenes, consurgite: Vesper Olympo exspectata diu vix tandem lumina tollit. surgere iam tempus, iam pinguis linquere mensas, iam veniet virgo, iam dicetur hymenaeus. Hymen o Hymenaee, Hymen ades o Hymenaee! Cernitis, innuptae, iuvenes? consurgite contra; nimirum Oetaeos ostendit Noctifer ignes. sic certest; viden ut perniciter exsiluere? non temere exsiluere, canent quod vincere par […]

Carme 78

Gallus habet fratres, quorum est lepidissima coniunx alterius, lepidus filius alterius. Gallus homo est bellus: nam dulces iungit amores, cum puero ut bello bella puella cubet. Gallus homo est stultus, nec se videt esse maritum, qui patruus patrui monstret adulterium.

Carme 93

Versione tradotta del Carme 93 di Catullo Nihil nimium studeo, Caesar, tibi velle placere,nec scire utrum sis albus an ater homo.