Cesare

Caio Giulio Cesare: biografia

Giulio Cesare è una figura che ha ispirato numerose opere letterarie, un personaggio complesso che è diventato un mito nei secoli successivi. Nacque a Roma il 13 luglio del 100 a.C. dalla famiglia Giulia. Fu uno scrittore sobrio ed elegante, un celebre oratore, un grande militare e politico. Si occupò anche di questio linguistiche: suo è il trattato De analogia, in cui difendeva la scelta di uno stile semplice e puro. Fu quindi un conservatore nella lingua ma un radicale innovatore in politica. Nipote di Mario, sposò Cornelia, da cui ebbe la sua unica figlia, Giulia. Odiato da Silla si allontanò da Roma, ma tornò dopo la morte del dittatore (78). Nel 77 accusò Dolabella di concussione e nel 68 iniziò il cursus honorum come questore in Spagna. Nel 60 costituì il primo triumvirato con Pompeo e Crasso e nel 59 divenne console. Nel 58 fu proconsole in Gallia e si distinse durante la campagna gallica. Sottomise numerose popolazioni barbariche come Elvezi, Germani e Arveni. Morta la figlia Giulia (che aveva sposato Pompeo) e morto Crasso, si acuirono le tensioni tra Cesare e il Senato, che si era avvicinato al Pompeo. Gli fu negato il secondo consolato e fu invitato a tornare a Roma come privato cittadino. Cesare passò quindi armato il Rubicone e diede inizio alla guerra civile contro Pompeo, che sconfisse a Farsalo nel 48. Solo al potere, Cesare accettò la dictatura perpetua e aveva intenzione di dar vita ad una monarchia di tipo ellenistico. S’impegnò in varie riforme, ma alcuni esponenti dell’aristocrazia organizzò una congiura. Morì alle idi di marzo nel 44 a.C., ucciso da Bruto e Cassio.

Le opere di Cesare

Le opere di Cesare che ci sono pervenute sono:

  • Commentari del De Bello Gallico divisi in sette libri più un ottavo composto probabilmente dal suo luogotenente Irzio.
  • Commentari De Bello Civili divisi in tre libri
  • un epigramma in versi su Terenzio

Tra le opere perdute ricordiamo:

  • De Analogia, un trattato sulla lingua e sullo stile che sosteneva con grande rigidità i principi analogici di Gnifone in campo linguistico
  • diverse orazioni, fra cui le Laudationes e tre Ad Milites
  • dei componimenti giovanili
  • un poema sulla spedizione in Spagna e l’Anticato, diviso in due libri, che fu scritto da Cesare per replicare al Cato di Cicerone
  • una laudatio comparsa al fine di presentare il suicidio di Catone ad Utica come il rifiuto dell’uomo giusto per eccellenza di vivere sotto la tirannide di Cesare. Cesare si sforzò a smantellare dalle fondamenta la costruzione ciceroniana attraverso la denigrazione morale dell’Uticense. Tuttavia il suo tentativo fallì.

Della corrispondenza di Cesare esistevano le raccolte Ad Senatum, Ad amiliarem e Ad Ciceronem.

Per approfondire consulta anche:

Cesare Letteratura

Cesare

[T2]Vita[/T] (Roma 100-44 a.C.), generale e uomo politico romano, una delle figure più leggendarie e controverse del mondo antico; gettò le basi del futuro sistema imperiale romano alla fine della repubblica. Nato da famiglia nobile, appartenente alla gens Giulia, era nipote di Caio Mario, capo dei populares, che aveva sposato la sorella del padre e […]

Libro 1 - Par. 1

De Bello Gallico di Giulio Cesare: versione tradotta Libro 1 Par. 1 Gallia est omnis divisa in partes tres, quarum unam incolunt Belgae, aliam Aquitani, tertiam qui ipsorum lingua Celtae, nostra Galli appellantur. Hi omnes lingua, institutis, legibus inter se differunt. Gallos ab Aquitanis Garunna flumen, a Belgis Matrona et Sequana dividit. Horum omnium fortissimi […]

Libro 1 - Par. 17

Tum demum Liscus oratione Caesaris adductus, quod antea tacuerat, proponit: esse nonnullos quorum auctoritas apud plebem plurimum valeat, qui privatim plus possint quam ipsi magistratus. Hos seditiosa atque improba oratione multitudinem deterrere, ne frumentum conferant, quod debeant: praestare, si iam principatum Galliae obtinere non possent, Gallorum quam Romanorum imperia perferre; neque dubitare debeant, quin si […]

Libro 1 - Par. 33

His rebus cognitis Caesar Gallorum animos verbis confirmavit pollicitusque est sibi eam rem curae futuram; magnam se habere spem et beneficio suo et auctoritate adductum Ariovistum finem iniuriis facturum. Hac oratione habita concilium dimisit. Et secundum ea multae res eum hortabantur, quare sibi eam rem cogitandam et suscipiendam putaret, inprimis, quod Haeduos fratres consanguineosque saepe […]

Libro 1 - Par. 49

Ubi eum castris se tenere Caesar intellexit, ne diutius commeatu prohiberetur, ultra eum locum quo in loco Germani consederant, circiter passus sescentos ab his, castris idoneum locum delegit acieque triplici instructa ad eum locum venit. Primam et secundam aciem in armis esse, tertiam castra munire iussit. Hic locus ab hoste circiter passus sescentos, uti dictum […]

Libro 2 - Par. 11

Ea re constituta secunda vigilia magno cum strepitu ac tumultu castris egressi nullo certo ordine neque imperio, cum sibi quisque primum itineris locum peteret et domum pervenire properaret, fecerunt ut consimilis fugae profectio videretur. Hac re statim Caesar per speculatores cognita insidias veritus, quod qua de causa discederent nondum perspexerat, exercitum equitatumque castris continuit. Prima […]

Libro 2 - Par. 28

Hoc proelio facto et prope ad internecionem gente ac nomine Nerviorum redacto maiores natu, quos una cum pueris mulieribusque in aestuaria ac paludes coniectos dixeramus, hac pugna nuntiata cum victoribus nihil impeditum, victis nihil tutum arbitrarentur, omnium, qui supererant, consensu legatos ad Caesarem miserunt seque ei dediderunt et in commemoranda civitatis calamitate ex sescentis ad […]

Libro 3 - Par. 9

Quibus de rebus Caesar a Crasso certior factus, quod ipse aberat longius, naves interim longas aedificari in flumine Ligeri quod influit in Oceanum, remiges ex provincia institui, nautas gubernatoresque comparari iubet. His rebus celeriter administratis ipse, cum primum per anni tempus potuit, ad exercitum contendit. Veneti reliquaeque item civitates cognito Caesaris adventu, et de recipiendis […]

Libro 3 - Par. 25

Ibi cum alii fossas complerent, alii multis telis coniectis defensores vallo munitionibusque depellerent, auxiliaresque, quibus ad pugnam non multum Crassus confidebat, lapidibus telisque subministrandis et ad aggerem caespitibus comportandis speciem atque opinionem pugnantium praeberent, cum item ab hostibus constanter ac non timide pugnaretur telaque ex loco superiore missa non frustra acciderent, equites circumitis hostium castris […]

Libro 4 - Par. 12

At hostes ubi primum nostros equites conspexerunt, quorum erat v milium numerus, cum ipsi non amplius octingentos equites haberent, quod ii, qui frumentandi causa erant trans Mosam profecti, nondum redierant, nihil timentibus nostris, quod legati eorum paulo ante a Caesare discesserant atque is dies indutiis erat ab his petitus, impetu facto celeriter nostros perturbaverunt. Rursus […]