Se tu fossi in un fumetto chi saresti?

Tutti hanno desiderato almeno una volta nella loro vita essere il protagonista di un fumetto. C’è chi ha sognato di volare per i grattacieli come Superman, c’è chi ha amato tanto Paperino da identificarsi nel suo essere simpatico e imprevedibile; c’è anche chi ha chiuso gli occhi e si è rivisto in Pegasus dei Cavalieri dello Zodiaco o in Ken di Hokuto. Qualcuno oggi è convinto di essere Holly (Capitan Tsubasa) o Dylan Dog! Io, per esempio, ho fantasticato rivedendomi nel primo Ragno Rosso (il miglior clone di Peter Parker di sempre) o in Nigthwing (primo Robin, recentemente visto anche nei panni di Batman). Adoro il loro modo di essere (o essere stati nel caso di Ben, ucciso da Goblin tanti anni fa), il loro spirito di riscoprirsi grandi, pur vivendo all’ombra di due superstar del panorama fumettistico internazionale. La vita di Ben Reilly è toccante da tutti i punti di vista ed è il simbolo del riscatto totale: un personaggio dotato di un grande potenziale, soffocato dalla vita, perseguitato per colpe non proprie e che un bel giorno riscopre il sorriso, comprende di poter acquistare il ruolo da sempre desiderato nel nome del bene!

Fate attenzion: in questo articolo non si parla di superpoteri, ma esclusivamente dei protagonisti dei fumetti, con i loro pregi e difetti. Desiderare di essere un personaggio di carta vuol dire ammirare profondamente il suo carattere, rivedersi in lui per un suo modo di fare e pensare, per il suo approccio alla vita o per determinate esperienze.

Scrivete nello spazio dei commenti qui sotto completando la seguente frase: Se io fossi in un fumetto sarei…