Educatore professionale: di cosa si occupa

Quella dell’educatore professionale è una figura lavorativa molto particolare in quanto è adibita a svolgere attività di diversa natura, sia di aiuto, sostegno e relazione, sia di tipo amministrativo-gestionale. In generale l’obiettivo principale di chi svolge tale professione è quello di recuperare e reinserire nella società soggetti che si trovano in una situazione di disagio e che rischiano l’emarginazione. I pazienti possono essere di varie tipologie: si può trattare di  soggetti portatori di menomazioni psico-fisiche, persone con problemi di dipendenza o anziani abbandonati a sé stessi. L’educatore professionale può, quindi, occuparsi delle seguenti mansioni:

  • assistenza domiciliare ad anziani, disabili e malati di Aids;
  • assistenza a minori disabili a scuola o in centri specializzati;
  • assistenza in case di riposo ad anziani;
  • assistenza in carcere ad adulti e minori;
  • intervento in comunità per alcoolisti, drogati, disabili psichici adulti e minori;
  • sostegno educativo a domicilio.

Leggi anche:

Educatore professionale: competenze e modalità di lavoro

Per essere educatore professionale bisogna innanzitutto possedere capacità di analisi, un’ottima empatia e una profonda attitudine a relazionarsi con gli altri in maniera adeguata. Visti i casi difficili che ci si ritrova ad affrontare, tale figura professionale deve anche essere in grado di mantenere i nervi saldi in ogni situazione, senza affrettare mai i tempi né spazientirsi. La disponibilità e la flessibilità sono altre due attitudini necessarie per svolgere l’attività di educatore professionale in quanto i pazienti di cui ci si occupa sono soggetti sensibili e a rischio. Anche per questo motivo il lavoro viene sempre svolto in équipe quindi è necessario sapersi relazionare e collaborare con figure professionali quali medici, infermieri, assistenti sociali, psicologi e personale carcerario.

Educatore professionale: formazione e stipendio

Per lavorare in strutture sia pubbliche che private, l’educatore professionale deve essere in possesso di titoli riconosciuti. Per quanto riguarda la formazione accademica, è possibile seguire due percorsi:

  • Corso di Laurea per Educatore Professionale nella classe di Scienze della Formazione per lavorare nell’ambito sociale;
  • Corso di Laurea Triennale in Educazione Professionale, classe delle Professioni Sanitarie (area della Riabilitazione) per lavorare nell’ambito sanitario.

Lo stipendio di un educatore professionale ovviamente varia a seconda delle aziende in cui è inserito. Per chi è dipendente di un’azienda pubblica lo stipendio si aggira intorno ai 10 euro all’ora; coloro che lavorano in associazioni, enti intermedi e cooperative guadagnano invece dai 5 ai 7 euro all’ora.

Leggi anche: