Lavorare come fisiatra: quello che dovete sapere

Oggi vi vogliamo parlare di un campo della medicina, la fisiatria, andando a scoprire di cosa si occupa e, soprattutto, come diventare un fisiatra. La fisiatria è una disciplina medico-specialistica, esistente in tutti i paesi del mondo e riconosciuta dall’O.M.S., denominata anche Medicina Fisica e Riabilitativa. La medicina riabilitativa è operante nei postumi e negli esiti delle malattie traumatologiche, ortopediche, reumatologiche, neurologiche, otorinolaringoiatriche, respiratorie, urologiche, cardiologiche, dermatologiche, angiologiche. E’ importante conoscerne tutti questi aspetti in modo da fare delle scelte ponderate, qualosa foste interessati e desiderosi di svolgere questa professione.

Leggi anche: Professioni Sanitarie: quali sono

Lavoro da fisiatra: cosa fa

Abbiamo detto che la fisiatria è una disciplina medico-specialistica denominata medicina riabilitativa, operante nei postumi e negli esiti delle malattie traumatologiche, ortopediche, reumatologiche, neurologiche, otorinolaringoiatriche, respiratorie, urologiche, cardiologiche, dermatologiche, angiologiche. Il fisiatra segue il paziente nel tempo, la gestione della disabilità, collaborando con altre figure professionali sanitarie all’elaborazione di un idoneo e personalizzato progetto riabilitativo. Il fisiatra può lavorare presso reparti ospedalieri, ambulatori, anche come consulente e in autonomia. Nello spcifico, il fisiatra interviene quando ci si trova difronte a:

  • Patologie dell’apparato muscolo-scheletrico;
  • Patologie reumatologiche;
  • Neuroriabilitazione e cerebrolesioni
  • Riabilitazione cardiologica e respiratoria
  • Riabilitazione nel paziente anziano:
  • Linfedema e patologie vascolari
  • Prescrizione di ortesi e ausili
  • Mielolesioni
  • Perineo e pavimento pelvico

Fisiatra: come diventarlo

Il fisiatra è un medico, quindi il percorso formativo prevde la laurea in medicina e chirurgia, specialistica in Medicina Fisica e Riabilitativa, con esperienza nel trattamento di disabilità causata dalle diverse affezioni patologiche e/o dal dolore e con competenze specifiche in ambito neuromuscolare, osteoarticolare, cognitivo-relazionale, biomeccanico-ergonomico e psicologico. Le competenze richieste sono quelle utili ad affrontare le problematiche relative alla limitazione dell’autonomia e partecipazione della Persona in relazione al proprio ambiente fisico, familiare, lavorativo e sociale. Il fisiatra è una figura professionale molto richiesta che può registrare importanti ritorni economici.

Non perderti: Come diventare  fisioterapista: studi e pratica