La Prima Prova di Maturità 2018 è sempre più vicina e una delle possibili tracce scelte dal Miur per l’ Esame dell’Esame di Stato potrebbe essere proprio quella su Aldo Moro e i quarant’ anni trascorsi dal giorno della sua morte. Ripercorriamo insieme chi era e quali sono state le dinamiche del sequestro che ha sconvolto per sempre la Storia del nostro Paese.

Scopri tutte le nostre risorse per la Prima Prova 2018 degli Esami di Maturità 2018:

Assassinio e rapimento Aldo Moro: le vere motivazioni

Era il 16 marzo del 1978 quando in via Fani, un gruppo di brigatisti rapì Aldo Moro e uccise tutti gli uomini della sua scorta:  Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi. Il leader della Democrazia Cristiana come ogni mattina, stava uscendo di casa per recarsi alla Camera dei Deputati ma quello non era un giorno qualunque: il nuovo Governo guidato da Giulio Andreotti stava per essere presentato in Parlamento per ottenere la fiducia e mettere in atto quella “svolta a sinistra” che avrebbe rappresentato un nuovo corso nella storia del Paese. Un’ alleanza quella della Dc con il Partito Comunista Italiano e il Partito Socialista che non era ben vista dalle più alte rappresentanze di governo e men che mai a livello internazionale dal paese anticomunista per eccellenza: gli Stati Uniti d’ America. Passarono ben 55 giorni di ricerche, supposizioni e  depistaggi in cui Carabinieri, Polizia, agenti dei Servizi Segreti cercarono invano di trovare il nascondiglio dove le BR avevano nascosto e tenuto prigioniero Aldo Moro. Ma non si riuscì a trovare una soluzione che mediasse i forti interessi diplomatici internazionali e l’ esigenza di salvare una vita umana.

 

Maturità 2018 Aldo Moro

 

Aldo Moro: ritrovamento del corpo e indagini

Il cadavere di Moro infatti venne ritrovato , il 9 maggio 1978, nel bagagliaio di una Renault 4 rossa in via Caetani, a metà strada fra piazza del Gesù, sede della Dc, e via delle Botteghe oscure, sede del Pci. I principali mandati del sequestro e assassinio dell’ Onorevole Moro furono principalmente Mario Moretti e Prospero Gallinari, appartenenti al gruppo di lotta armata delle Brigate Rosse. Rapire Aldo Moro voleva dire per l’ organizzazione colpire il “cuore” dello Stato e dimostrare la fragilità e la corruzione di un Sistema  che era pronto per essere abbattuto dalla lotta armata rivoluzionaria. Sono passati quarant’ anni dalla morte del leader Aldo Moro e in onore di questa ricorrenza, il Presidente della Repubblica Mattarella ha deposto una corona dai colori bianco rosso e verde sul nuovo monumento in  omaggio alle vittime dell’eccidio. Presenti alla commemorazione anche il sindaco di Roma, Virginia Raggi, e il governatore Nicola Zingaretti. Vengono ricordate così le vittime di quel sequestro che cambiò per sempre il volto della Repubblica e dello Stato Italiano.

Scopri tutte le nostre risorse per la Prima Prova di Maturità 2018: