Come organizzare il ripasso per gli esami universitari? Studiare all’università diventa un grosso problema, soprattutto quando bisogna preparare più esami contemporaneamente e non si sa da che parte cominciare. La cosa da fare in questi casi è studiare volta per volta, anticipandosi qualche materia, in modo da doverla solo ripassare nel pieno della sessione di esami. Ma può non bastare. Soprattutto se sei alla tua prima esperienza e non hai ancora individuato il metodo di studio più adatto a te. Come organizzare quindi il grande ripasso per gli esami universitari, sia scritti che orali? Ecco qualche dritta che ti permetterà di mettere ordine nelle tue caotiche giornate di studio. Leggi di seguito e niente panico!

Come organizzare il ripasso delle materie universitarie

Una volta terminate le lezioni universitarie, è importante capire bene quando inizia la sessione d’esame e quanto tempo hai a disposizione per studiare e ripassare le materie d’esame. A questo punto non ti rimane che organizzare lo studio! Magari attraverso cicli di ripasso, magari individuando quanti giorni hai per ripetere un esame o, ancora, facendo affidamento ad una delle tante tecniche di ripasso a disposizione degli studenti.

Prendi un’agenda e crea una tabella di marcia nella quale segnare giornalmente le materie da ripassare e gli argomenti da ripetere bene. Ricorda di dividere i programmi tra il mattino e il pomeriggio, e di inserire alcune pause per staccare dallo studio!

Come organizzare il ripasso per gli esami universitari

Università, come ripassare in vista degli esami

Adesso non ti resta altro da fare che metterti sotto. Il ripasso va fatto in modo intelligente, per cui una volta che avrai organizzato il piano d’attacco ecco come agire:

  • Mentre ripassi un argomento, prendi un quaderno e appunta i concetti principali e le parole chiave, in modo da utilizzare questi schemi i giorni immediatamente precedenti all’esame per il ripasso finale.
  • Ricorda di ripetere sempre gli argomenti precedenti prima d continuare con il resto.
  • Se devi studiare per le prove scritte, fai un riepilogo della teoria e allenati con la pratica: l’esercizio ti servirà per memorizzare meglio e prendere confidenza con il compito.
  • Parti sempre dagli argomenti che conosci di meno: gli ultimi giorni sarai più stanco, per cui è bene affrontare la parte più difficile all’inizio, quando sei più fresco.
  • Infine, due o tre giorni prima, concentrati sul mega ripasso: prendi gli schemi che hai preparato nei giorni precedenti e ripeti tutto, riguardando velocemente i concetti chiave. Infine, prova a fare un discorso senza guardare nulla.

Come ripassare al meglio, consigli utili

Oltre ciò che hai appena letto, può tornarti utile mettere in pratica questi piccoli accorgimenti.

  • Concediti abbastanza tempo per studiare. Crea un programma di studio che si adatti al tuo modo di studiare e non lasciare nulla all’ultimo minuto.
  • Assicurati che il tuo spazio di studio sia organizzato. Scrivania spaziosa, stanza sufficientemente luminosa e sedia abbastanza riposante. Niente distrazioni intorno.
  • Organizza gruppi di studio con gli amici. I gruppi di studio possono aiutarti a ottenere le risposte di cui hai bisogno e a completare le attività più velocemente.
  • Fai delle pause regolari. Non sono dei pretesti per non studiare, bensì necessarie affinché il cervello riacquisti la sua concentrazione.
  • Fai spuntini sani per mantenere in attività il tuo corpo e il tuo cervello con cibi naturali, freschi e ricchi di vitamine.
  • Bevi regolarmente (acqua, si intende). Rimanere idratati è di vitale importanza e, anche se non lo sai, contribuisce al tuo umore.

Leggi anche: