ESAME TERZA MEDIA 2018: NOVITÀ E COSA CAMBIA

Ci siamo quasi, quindi è necessario mettere in gioco tutte le nostre forze per l’Esame di Terza Media 2018. Sapete bene che quest’anno l’esame cambierà radicalmente e sarà molto diverso dall’Esame di Terza Media 2017. La notizia principale è che non ci saranno più le Prove Invalsi, quindi gli allievi possono tirare un sospiro di sollievo e concentrarsi sul resto. Inoltre, nella Commissione d’esame ci sarà anche l’insegnante di Religione, che secondo una svista normativa sarà obbligato, per legge, a partecipare agli esami, ma non interrogherà. In seguito alle modifiche apportate agli esami finali di scuole medie e scuole superiori, tra le altre cose è stato anche abrogato il comma in cui si elencavano le materie oggetto dell’Esame di Terza Media, in cui non figurava Religione. Il nuovo decreto legislativo (62/2017) dice infatti che faranno parte della commissione d’esame tutti i docenti del consiglio di classe, per cui anche quelli di Religione. Detto questo, scopriamo nel dettaglio cosa cambierà a partire dall’Esame Terza Media 2018. Siete pronti? Scopriamo insieme tutti i dettagli!

esame terza media 2018 cosa cambia

ESAME TERZA MEDIA: ADDIO TEST INVALSI

 Molti di voi faranno di certo un respiro di sollievo (una smorfia invece chi si diplomerà quest’anno!): a partire da quest’anno spariranno le Prove Invalsi dagli Esami di Terza Media, i test colpevoli, negli scorsi anni, di aver abbassato il giudizio finale di molti ragazzi. Attenzione però: le Prove Invalsi sono state comunque somministrate ai ragazzi di Terza Media tra il 4 e il 21 aprile e avranno la sola funzione di requisito obbligatorio di ammissione all’esame. Oltre ai Test Invalsi di Italiano e Matematica, inoltre, gli studenti dovranno affrontare anche i Test Invalsi di Inglese.

PROVE SCRITTE ESAME TERZA MEDIA: COSA CAMBIA

I Test Invalsi quindi non faranno più parte delle prove scritte d’esame, per cui i ragazzi dovranno solamente affrontare:

Le prove scritte saranno dunque al massimo 4, mentre finora in alcuni casi si arriva anche a 5.

ESAME TERZA MEDIA: PROVA ORALE, COSA CAMBIA

 La struttura dell’esame orale rimarrà invariata, per cui gli studenti verranno esaminati su tutto il programma partendo dalla Tesina. A quanto pare però, come abbiamo anticipato, ci sarà una materia in più, vale a dire Religione. Si darà però maggior peso alle competenze trasversali e alle competenze chiave di cittadinanza acquisite nel corso del triennio, dunque la commissione dovrà dare maggior peso a tutta la carriera scolastica dello studente.
Se vuoi approfondire come si calcola il voto finale leggi: Esame terza media: come si calcola il voto

Serve aiuto o vuoi ricevere informazioni? Iscriviti al gruppo Terza media che tragedia!