Socrates, cum a discipulo interrogaretur nonne beatissimum putaret Archelaum, Perdiccae filium, qui tum potentissimus erat et fortunatissimus putabatur et saepe thermas palaestrasque frequentabat, respondit: «Haud scio quid dicam et quomodo iudicem. Numquam enim cum eo collocutus sum nec qui sint eius mores cognosco». Cui discipulus: «Cur haec? – inquit – Aliter ergo id scire non potes?» Tum Socrates: «Nullo modo qualis sit homo iudicare possum, nisi quid sentiat audivero». «Tu igitur ne de Persarum rege quidem magno dicere potes beatusne sit?» «Quomodo ego possim, cum ignorem quam doctus, quam vir bonus sit?» «Quid? In qua re ergo putas sitam esse beatam vitam? Vel quae putas necessaria ad beatam vitam?» «Ita prorsus existimo bonos beatos, improbos miseros.» «Miserum ergo Archelaum arbitraris?» «Nescio utrum beatus an miser sit, cum eum non cognoscam. Sed, si iniustus, certe miser et infelix est.»

Traduzione

Socrate, quando gli fu chiesto da un discepolo se non stimasse felicissimo Archelao, figlio di Perdicca, che allora era ritenuto l’uomo più potente e fortunato (del mondo) e che frequentava spesso terme e palestre, rispose: «Non so che dire e in che modo giudicarlo. Infatti non ho mai parlato con lui, né conosco i suoi costumi». Gli replicò il discepolo: «Come? Non puoi saperlo altrimenti?». E Socrate: «Non posso giudicare in nessun modo di che pasta sia fatto un uomo (lett. quale sia un uomo) se (prima) non avrò appreso ciò che prova». «Quindi neppure del gran re dei Persiani tu puoi dire se sia felice?». «Come potrei, non sapendo quanto sia colto, quanto un uomo onesto?» «E che? Tu credi che in ciò debba consistere (lett. sia situata) la vita felice? O quali cose ritieni necessarie per un’esistenza beata?» «Senza dubbio stimo felici i buoni, infelici i cattivi». «E quindi pensi che Archelao sia infelice?». «Non so se sia felice o infelice, perché non lo conosco. Ma, se (è) ingiusto, certamente è disgraziato e infelice».