Stemmata quid faciunt? quid prodest, Pontice, longo
sanguine censeri, pictos ostendere

uultus
maiorum et stantis in curribus Aemilianos
et Curios iam dimidios umeroque minorem
Coruinum et Galbam auriculis

nasoque carentem, 5
[quis fructus generis tabula iactare capaci
Coruinum, posthac multa contingere

uirga
fumosos equitum cum dictatore magistros,]
si coram Lepidis male uiuitur? effigies quo
tot bellatorum, si luditur

alea pernox 10
ante Numantinos, si dormire incipis ortu
luciferi, quo signa duces et castra mouebant?

cur Allobrogicis et magna gaudeat ara
natus in Herculeo Fabius lare, si cupidus, si
uanus et Euganea quantumuis

mollior agna, 15
si tenerum attritus Catinensi pumice lumbum
squalentis traducit auos emptorque

ueneni
frangenda miseram funestat imagine gentem?
tota licet ueteres exornent undique cerae
atria, nobilitas sola est

atque unica uirtus. 20
Paulus uel Cossus uel Drusus moribus esto,
hos ante effigies maiorum pone

tuorum,
praecedant ipsas illi te consule uirgas.
prima mihi debes animi bona. sanctus haberi
iustitiaeque tenax factis

dictisque mereris? 25
agnosco procerem; salue Gaetulice, seu tu
Silanus: quocumque alto de sanguine

rarus
ciuis et egregius patriae contingis ouanti,
exclamare libet populus quod clamat Osiri
inuento. quis enim

generosum dixerit hunc qui 30
indignus genere et praeclaro nomine tantum
insignis? nanum cuiusdam Atlanta

uocamus,
Aethiopem Cycnum, prauam extortamque puellam
Europen; canibus pigris scabieque uetusta
leuibus et siccae

lambentibus ora lucernae 35
nomen erit pardus, tigris, leo, si quid adhuc est
quod fremat in terris

uiolentius. ergo cauebis
et metues ne tu sic Creticus aut Camerinus.
his ego quem monui? tecum mihi sermo,

Rubelli
Blande. tumes alto Drusorum stemmate, tamquam 40
feceris ipse aliquid propter quod nobilis

esses,
ut te conciperet quae sanguine fulget Iuli,
non quae uentoso conducta sub aggere texit.
‘uos humiles’

inquis ‘uolgi pars ultima nostri,
quorum nemo queat patriam monstrare parentis, 45
ast ego

Cecropides.’ uiuas et originis huius
gaudia longa feras. tamen ima plebe Quiritem
facundum inuenies, solet hic

defendere causas
nobilis indocti; ueniet de plebe togata
qui iuris nodos et legum aenigmata soluat; 50

hinc petit Euphraten iuuenis domitique Bataui
custodes aquilas armis industrius; at tu
nil nisi Cecropides truncoque

simillimus Hermae.
nullo quippe alio uincis discrimine quam quod
illi marmoreum caput est, tua uiuit imago.

55
dic mihi, Teucrorum proles, animalia muta
quis generosa putet nisi fortia. nempe uolucrem
sic laudamus equum,

facili cui plurima palma
feruet et exultat rauco uictoria circo;
nobilis hic, quocumque uenit de gramine, cuius

60
clara fuga ante alios et primus in aequore puluis.
sed uenale pecus Coryphaei posteritas et
Hirpini, si rara

iugo uictoria sedit.
nil ibi maiorum respectus, gratia nulla
umbrarum; dominos pretiis mutare iubentur 65

exiguis, trito ducunt epiraedia collo
segnipedes dignique molam uersare nepotes.
ergo ut miremur te, non tua, priuum

aliquid da
quod possim titulis incidere praeter honores
quos illis damus ac dedimus, quibus omnia debes.

70
haec satis ad iuuenem quem nobis fama superbum
tradit et inflatum plenumque Nerone propinquo;
rarus enim ferme

sensus communis in illa
fortuna. sed te censeri laude tuorum,
Pontice, noluerim sic ut nihil ipse futurae

75
laudis agas. miserum est aliorum incumbere famae,
ne conlapsa ruant subductis tecta columnis.
stratus humi palmes

uiduas desiderat ulmos.
esto bonus miles, tutor bonus, arbiter idem
integer; ambiguae si quando citabere testis

80
incertaeque rei, Phalaris licet imperet ut sis
falsus et admoto dictet periuria tauro,
summum crede nefas

animam praeferre pudori
et propter uitam uiuendi perdere causas.
dignus morte perit, cenet licet ostrea centum

85
Gaurana et Cosmi toto mergatur aeno.
expectata diu tandem prouincia cum te
rectorem accipiet, pone irae frena

modumque,
pone et auaritiae, miserere inopum sociorum:
ossa uides rerum uacuis exucta medullis. 90

respice quid moneant leges, quid curia mandet,
praemia quanta bonos maneant, quam fulmine iusto
et Capito et Tutor

ruerint damnante senatu,
piratae Cilicum. sed quid damnatio confert?
praeconem, Chaerippe, tuis circumspice pannis,

95
cum Pansa eripiat quidquid tibi Natta reliquit,
iamque tace; furor est post omnia perdere naulum.
non idem

gemitus olim neque uulnus erat par
damnorum sociis florentibus et modo uictis.
plena domus tunc omnis, et ingens stabat

aceruos 100
nummorum, Spartana chlamys, conchylia Coa,
et cum Parrhasii tabulis signisque

Myronis
Phidiacum uiuebat ebur, nec non Polycliti
multus ubique labor, rarae sine Mentore mensae.
inde ~Dolabella

atque hinc~ Antonius, inde 105
sacrilegus Verres referebant nauibus altis
occulta spolia et plures de pace

triumphos.
nunc sociis iuga pauca boum, grex paruus equarum,
et pater armenti capto eripietur agello,
ipsi deinde

Lares, si quod spectabile signum. 110
[si quis in aedicula deus unicus; haec etenim sunt
pro summis, nam

sunt haec maxima. despicias tu]
forsitan inbellis Rhodios unctamque Corinthon
despicias merito: quid resinata

iuuentus
cruraque totius facient tibi leuia gentis? 115
horrida uitanda est Hispania, Gallicus

axis
Illyricumque latus; parce et messoribus illis
qui saturant urbem circo scenaeque uacantem;
quanta autem inde

feres tam dirae praemia culpae,
cum tenuis nuper Marius discinxerit Afros? 120
curandum in primis ne magna

iniuria fiat
fortibus et miseris. tollas licet omne quod usquam est
auri atque argenti, scutum gladiumque relinques.

[et iaculum et galeam; spoliatis arma supersunt.]
quod modo proposui, non est sententia, uerum est; 125

credite me uobis folium recitare Sibyllae.
si tibi sancta cohors comitum, si nemo tribunal
uendit acersecomes, si

nullum in coniuge crimen
nec per conuentus et cuncta per oppida curuis
unguibus ire parat nummos raptura Celaeno,

130
tum licet a Pico numeres genus, altaque si te
nomina delectant omnem Titanida pugnam
inter maiores ipsumque

Promethea ponas.
[de quocumque uoles proauom tibi sumito libro.]
quod si praecipitem rapit ambitio atque libido,

135
si frangis uirgas sociorum in sanguine, si te
delectant hebetes lasso lictore secures,
incipit ipsorum contra

te stare parentum
nobilitas claramque facem praeferre pudendis.
omne animi uitium tanto conspectius in se

140
crimen habet, quanto maior qui peccat habetur.
quo mihi te, solitum falsas signare tabellas,
in templis quae fecit

auus statuamque parentis
ante triumphalem? quo, si nocturnus adulter
tempora Santonico uelas adoperta cucullo?

145
praeter maiorum cineres atque ossa uolucri
carpento rapitur pinguis Lateranus, et ipse,
ipse rotam

adstringit sufflamine mulio consul,
nocte quidem, sed Luna uidet, sed sidera testes
intendunt oculos. finitum tempus

honoris 150
cum fuerit, clara Lateranus luce flagellum
sumet et occursum numquam trepidabit amici
iam

senis ac uirga prior adnuet atque maniplos
soluet et infundet iumentis hordea lassis.
interea, dum lanatas robumque

iuuencum 155
more Numae caedit, Iouis ante altaria iurat
solam Eponam et facies olida ad praesepia

pictas.
sed cum peruigiles placet instaurare popinas,
obuius adsiduo Syrophoenix udus amomo
currit, Idymaeae

Syrophoenix incola portae 160
hospitis adfectu dominum regemque salutat,
et cum uenali Cyane succincta

lagona.
defensor culpae dicet mihi ‘fecimus et nos
haec iuuenes.’ esto, desisti nempe nec ultra
fouisti errorem.

breue sit quod turpiter audes, 165
quaedam cum prima resecentur crimina barba.
indulge ueniam pueris:

Lateranus ad illos
thermarum calices inscriptaque lintea uadit
maturus bello Armeniae Syriaeque tuendis
amnibus et

Rheno atque Histro. praestare Neronem 170
securum ualet haec aetas. mitte Ostia, Caesar,
mitte, sed in

magna legatum quaere popina:
inuenies aliquo cum percussore iacentem,
permixtum nautis et furibus ac fugitiuis,
inter

carnifices et fabros sandapilarum 175
et resupinati cessantia tympana galli.
aequa ibi libertas, communia

pocula, lectus
non alius cuiquam, nec mensa remotior ulli.
quid facias talem sortitus, Pontice, seruum?
nempe in

Lucanos aut Tusca ergastula mittas. 180
at uos, Troiugenae, uobis ignoscitis et quae
turpia cerdoni Volesos

Brutumque decebunt.
quid si numquam adeo foedis adeoque pudendis
utimur exemplis, ut non peiora supersint?

consumptis opibus uocem, Damasippe, locasti 185
sipario, clamosum ageres ut Phasma Catulli.
Laureolum

uelox etiam bene Lentulus egit,
iudice me dignus uera cruce. nec tamen ipsi
ignoscas populo; populi frons durior

huius,
qui sedet et spectat triscurria patriciorum, 190
planipedes audit Fabios, ridere potest

qui
Mamercorum alapas. quanti sua funera uendant
quid refert? uendunt nullo cogente Nerone,
nec dubitant celsi

praetoris uendere ludis.
finge tamen gladios inde atque hinc pulpita poni, 195
quid satius? mortem sic

quisquam exhorruit, ut sit
zelotypus Thymeles, stupidi collega Corinthi?
res haut mira tamen citharoedo principe

mimus
nobilis. haec ultra quid erit nisi ludus? et illic
dedecus urbis habes, nec murmillonis in armis 200

nec clipeo Gracchum pugnantem aut falce supina;
damnat enim talis habitus [sed damnat et odit,
nec galea faciem

abscondit]: mouet ecce tridentem.
postquam uibrata pendentia retia dextra
nequiquam effudit, nudum ad spectacula uoltum

205
erigit et tota fugit agnoscendus harena.
credamus tunicae, de faucibus aurea cum se
porrigat et longo

iactetur spira galero.
ergo ignominiam grauiorem pertulit omni
uolnere cum Graccho iussus pugnare secutor.

210
libera si dentur populo suffragia, quis tam
perditus ut dubitet Senecam praeferre Neroni?
cuius supplicio non

debuit una parari
simia nec serpens unus nec culleus unus.
par Agamemnonidae crimen, sed causa facit rem

215
dissimilem. quippe ille deis auctoribus ultor
patris erat caesi media inter pocula, sed nec
Electrae iugulo se

polluit aut Spartani
sanguine coniugii, nullis aconita propinquis
miscuit, in scena numquam cantauit Orestes,

220
Troica non scripsit. quid enim Verginius armis
debuit ulcisci magis aut cum Vindice Galba,
quod Nero tam saeua

crudaque tyrannide fecit?
haec opera atque hae sunt generosi principis artes,
gaudentis foedo peregrina ad pulpita cantu

225
prostitui Graiaeque apium meruisse coronae.
maiorum effigies habeant insignia uocis,
ante pedes

Domiti longum tu pone Thyestae
syrma uel Antigones seu personam Melanippes,
et de marmoreo citharam suspende colosso.

230
quid, Catilina, tuis natalibus atque Cethegi
inueniet quisquam sublimius? arma tamen uos
nocturna

et flammas domibus templisque paratis,
ut bracatorum pueri Senonumque minores,
ausi quod liceat tunica punire molesta.

235
sed uigilat consul uexillaque uestra coercet.
hic nouus Arpinas, ignobilis et modo Romae
municipalis

eques, galeatum ponit ubique
praesidium attonitis et in omni monte laborat.
tantum igitur muros intra toga contulit illi

240
nominis ac tituli, quantum ~in~ Leucade, quantum
Thessaliae campis Octauius abstulit udo
caedibus

adsiduis gladio; sed Roma parentem,
Roma patrem patriae Ciceronem libera dixit.
Arpinas alius Volscorum in monte solebat

245
poscere mercedes alieno lassus aratro;
nodosam post haec frangebat uertice uitem,
si lentus pigra

muniret castra dolabra.
hic tamen et Cimbros et summa pericula rerum
excipit et solus trepidantem protegit urbem,

250
atque ideo, postquam ad Cimbros stragemque uolabant
qui numquam attigerant maiora cadauera corui,
nobilis

ornatur lauro collega secunda.
plebeiae Deciorum animae, plebeia fuerunt
nomina; pro totis legionibus hi tamen et pro

255
omnibus auxiliis atque omni pube Latina
sufficiunt dis infernis Terraeque parenti.
[pluris enim Decii

quam quae seruantur ab illis.]
ancilla natus trabeam et diadema Quirini
et fascis meruit, regum ultimus ille bonorum.

260
prodita laxabant portarum claustra tyrannis
exulibus iuuenes ipsius consulis et quos
magnum aliquid

dubia pro libertate deceret,
quod miraretur cum Coclite Mucius et quae
imperii finis Tiberinum uirgo natauit.

265
occulta ad patres produxit crimina seruus
matronis lugendus; at illos uerbera iustis
adficiunt poenis et legum

prima securis.
malo pater tibi sit Thersites, dummodo tu sis
Aeacidae similis Volcaniaque arma capessas,

270
quam te Thersitae similem producat Achilles.
et tamen, ut longe repetas longeque reuoluas
nomen, ab infami

gentem deducis asylo;
maiorum primus, quisquis fuit ille, tuorum
aut pastor fuit aut illud quod dicere nolo.

Traduzione

Le

genealogie, a che servono?
A che ti giova, Pòntico,
esser considerato d’antica famiglia,

ostentare i ritratti dei tuoi antenati,
gli Emiliani ritti sui cocchi,
i Curi ormai sbrecciati,

Corvino senza spalle
e Galba senza orecchie e naso?
Che profitto ti viene
dal vantare un Corvino

nel quadro affollato della tua stirpe,
dal risalire con lunga bacchetta
a generali di cavalleria

o a un dittatore anneriti dal tempo,
se agli occhi dei Lèpidi vivi turpemente?
A che ti servono i ritratti

di tanti guerrieri,
se tutta la notte tu giochi ai dadi
sotto gli occhi di chi vinse Numanzia,
se

inizi a dormire quando sorge Lucifero,
nell’ora in cui quei generali
dagli accampamenti movevano le

insegne?
Perché mai Fabio,
anche se è nato dalla schiatta d’Ercole,
dovrebbe gloriarsi

dell’Ara Massima
e di avi vincitori degli Allòbrogi,
se poi è avido, bugiardo e smidollato
piú di

un’agnella euganea,
se i suoi flaccidi lombi,
lisciati con pomice di Catania,
coprono di vergogna

i ruvidi antenati,
se, comprando veleni,
disonora la sua stirpe infelice
con un’immagine da fare

a pezzi?
Adornino pure i suoi atri,
in tutti gli angoli, antichi busti di cera:
sola ed unica

nobiltà è la virtú.
Come quelli di Paolo, Cosso o Druso
siano i tuoi costumi; loro anteponi

all’effigie degli antenati tuoi
e precedano i fasci stessi,
se console tu sei.
Qualità morali

devi mostrarmi innanzitutto.
Meriti forse per fatti e parole
d’esser considerato onesto
e tenace

assertore di giustizia?
Allora sí, sei nobile, l’ammetto;
salve Getúlico o Silano che tu sia:
da

qualunque altro sangue tu discenda,
sei cittadino raro,
illustre per la patria che ti acclama, e allora

esultare di gioia è giusto, come esulta il popolo
per Osiride ritrovato.
Chi potrebbe dir nobile

un uomo indegno della stirpe sua
e insigne solo per il nome famoso che porta?
Chiamiamo Atlante un

qualsivoglia nano,
Cigno un etiope, Europa una fanciulla
laida e deforme;
a cani pigri e

spelacchiati per cronica rogna,
dediti a leccare l’orlo di lucerne ormai secche,
si darà nome di leopardo,

tigre, leone
o di qualche altra belva,
se esiste sulla terra,
che ruggisca ancora piú forte.

In guardia, dunque:
bada di non essere un Crètico
o peggio un Camerino.
Chi voglio ammonire? Parlo

con te,
Rubellio Blando. Tronfio sei
dell’antica genealogia dei Drusi,
come se per essere

nobile
tu, proprio tu, avessi fatto qualcosa,
perché ti concepisse
una donna insigne del sangue di

Iulo
e non una che al vento dei bastioni
tesse a giornata.
‘Feccia, infima plebaglia, questo

siete’, strilli.
‘Nessuno di voi saprebbe indicare
la patria di suo padre:
da Cècrope discendo

io!’
Vivi e goditi a lungo
il piacere di questa origine.
Ma è proprio in basso, tra la plebe,

che troverai un romano eloquente
capace di difendere le cause
di un nobile ignorante.
E sarà di

plebe togata
chi sa sciogliere i nodi del diritto,
gli enigmi della legge.
Esce di là l’alacre

giovane
che in armi si recherà sull’Eufrate
o fra le legioni di guarnigione
ai Bàtavi

sconfitti.
Ma tu altro non sei che un Cecròpide,
simile in tutto a un busto di Ermes.
Non c’è

differenza in cui tu lo vinca,
se non che il suo capo è di marmo
e tu sei una statua vivente.
Dimmi,

rampollo dei Troiani,
fra gli animali che son muti
chi li stima nobili se non son forti?
Per questo

lodiamo il cavallo
che, veloce come un uccello,
raccoglie facili vittorie su vittorie
tra il rauco

fervore e l’esultanza del Circo.
Cavallo nobile,
da qualunque pascolo venga,
questo che come un

lampo
corre davanti a tutti
e per primo solleva polvere nel campo.
Ma i discendenti di Corifeo e di

Irpino
son gregge da mercato,
se la vittoria è un caso
che si posi sul loro giogo.
Qui non

v’è rispetto per gli antenati,
nessun credito ai Mani:
per pochi soldi devono cambiar padrone
e

col collo spelato trascinar carrette
questi nipoti pigri
e degni solo di far girare la mola.
Se vuoi

dunque che ti si ammiri per te stesso
e non per i tuoi beni,
mostraci qualcosa di tuo
che io possa

incidere nel marmo,
oltre agli onori che noi tributiamo
e tributammo
a coloro a cui devi tutto.

E questo basta per un giovane
che voce di popolo ci dice arrogante,
tronfio e superbo per esser parente

di Nerone:
raro è di solito il buon senso
in questa condizione.
Ma quanto a te, Pòntico, non

vorrei
che solo per il merito dei tuoi
fossi considerato,
cosí da non far nulla
per un tuo

elogio futuro.
È ben misero appoggiarsi alla fama altrui
col timore che, tolte le colonne,

l’edificio crolli in rovina.
Il tralcio steso a terra
rimpiange l’olmo spoglio.
Sii buon

soldato, buon tutore,
giudice incorruttibile;
e se sarai citato come teste
in una causa ambigua e

incerta,
anche se Falàride con la minaccia del toro
ti ordinasse di mentire, suggerendo spergiuri,

reputa infamia suprema anteporre
l’esistenza all’onore
e per amor di vita
perdere del vivere

la ragione.
Morto sepolto è chi merita di morire,
anche se all’infinito
cena con ostriche di

Gauro
e nel bagno profumato di Cosmo
s’immerge per intero.
E quando infine la provincia,

a lungo sospirata,
ti avrà come governatore,
poni un freno, un limite alla tua collera,
e ponilo

alla cupidigia;
abbi pietà dei poveri alleati:
senza piú midolla, lo vedi,
sono ossa ormai

spolpate.
Considera ciò che prescrivono le leggi,
ciò che impone il senato,
quante mercedi attendono

gli onesti,
quali e quanti fulmini di giustizia,
comminati dai senatori,
s’abbatterono su

Capitone e Tutore,
razziatori della Cilicia.
Ma a che servono le condanne?
Cherippo, cèrcati per i

tuoi stracci un banditore,
visto che Pansa agguanta tutto ciò
che Natta ti ha lasciato, e taci:
è

pazzia perdere col resto
anche il denaro per la traversata.
Non eran tali i lamenti e lo strazio per le

perdite
al tempo in cui, vinti da poco,
gli alleati erano ancora fiorenti.
Prosperava allora ogni

casa,
v’erano mucchi immensi di denaro,
di clamidi spartane e porpore di Coo,
e fra dipinti di

Parrasio e statue di Mirone
spiccava l’avorio di Fidia,
senza numero i lavori di Policleto
e rare

le mense senza coppe di Mèntore.
Ma di qui Dolabella, Antonio
e il sacrilego Verre
trafugarono

bottini su bottini,
nascosti nelle stive delle navi,
per innumerevoli trionfi in tempo di pace.
Ora

ai nostri alleati,
carpito il campicello,
si potrà rubare qualche paio di buoi,
una piccola mandria

di cavalle,
il maschio del gregge o magari i Lari,
se qualche statuina curiosa o qualche divinità
in

un angolo di casa è ancora rimasta:
il massimo delle loro ricchezze,
che di meglio proprio non hanno.

Forse disprezzi gli abitanti imbelli
di Rodi e la profumata Corinto;
hai ragione: che danno potranno mai

farti
giovani cosparsi di resina
o gente che si depila le gambe?
Ma attento alla selvaggia

Spagna,
al cielo di Gallia, alle coste illiriche.
Risparmia i mietitori che nutrono Roma,
intontita

dal circo e dal teatro:
che profitto trarresti
da cosí scellerato crimine,
dopo che Mario ha

depredato
e ridotto in miseria gli africani?
Bada di non infliggere pesanti offese
a uomini forti

colpiti da sciagura.
Puoi a man bassa derubarli
di tutto l’oro e l’argento in loro possesso,

[ma se concedi scudo, spada, giavellotto ed elmo,]
ai depredati le armi resteranno.
Ciò che vi ho detto non è

un’opinione:
è verità. Credetemi:
è come se vi leggessi un foglio della Sibilla.
Se il tuo

séguito è irreprensibile,
se nessun giovane tuo dai boccoli lunghi
fa mercimonio di giustizia,
se

anche tua moglie è senza macchia
e di correre non ha in mente
per distretti e contrade ad arraffar denaro

con unghie adunche
come Celeno, allora sino a Pico
risalire puoi far la tua casata
e, se hai

passione per i nomi altisonanti,
annoverare fra i tuoi antenati
tutta l’orda dei Titani e Promèteo in

piú:
scegliti l’avo dal libro che vuoi.
Ma se dall’ambizione e dal capriccio
travolgere ti

lasci,
se nel sangue degli alleati
spezzi le tue verghe e gioia ti danno
scuri smussate e littori

sfiniti,
contro di te vedrai schierarsi
la nobiltà degli stessi tuoi avi
a illuminare di fuoco le

tue vergogne.
Ogni perversità dell’animo
maggior scandalo in sé comporta,
quanto piú stimato è il

colpevole.
Cosa m’importa se tu firmi
testamenti su testamenti falsi
nel tempio eretto da un tuo

avo
o innanzi alla statua in onore di tuo padre?
o se di notte per le tue lascivie
col cappuccio dei

Sàntoni
a celarlo ti copri il capo?
Tra le ceneri e le ossa dei suoi antenati
sulle ali di un carro

l’obeso Laterano
si fa trascinare, e lui stesso,
console mulattiere,
trattiene col freno le

ruote:
è notte, ma la luna vede
e le stelle coi loro occhi son testimoni.
Scaduto il tempo della

carica,
alla luce del sole Laterano
impugnerà la sferza
e, incontrando senza turbarsi
un

amico attempato,
lo saluterà per primo con la sua frusta,
scioglierà i mannelli lui stesso
e darà

l’orzo alle sue bestie stanche.
E mentre col rito di Numa
dinanzi all’altare di Giove
immola

pecore e un fulvo torello,
giura solo per Èpona
e i geni dipinti sulle fetide greppie.
Ma quando gli

vien voglia
di riaggirarsi per taverne aperte tutta notte,
ecco che gli corre incontro un Sirofenicio

impregnato come sempre di amomo,
quel Sirofenicio della porta Idumea
che con ospitale cordialità
re

e suo padrone lo saluta,
mentre Ciane in veste succinta
si offre di vendergli da bere.
‘Anche noi

abbiamo fatto cosí da giovani’,
potrà dirmi un uomo indulgente.
Certo, ma di sicuro hai smesso
e

piú non hai covato questo errore.
Le turpitudini poco devon durare;
certi eccessi vanno estirpati con la

prima barba.
Concedi indulgenza ai ragazzi;
ma Laterano, nelle Terme,
frequenta solo bettole

seguendone le insegne,
quando ormai è maturo
per difendere in armi
i fiumi d’Armenia e di

Siria,
Danubio e Reno.
La sua età è giusta
per render sicuro Nerone.
Mandalo ad Ostia, ad

Ostia, Cesare;
ma il tuo legato cercalo in saloni d’osterie:
lo troverai sdraiato con qualche sicario,

in mezzo a marinai, ladri e schiavi fuggiaschi,
fra carnefici, becchini e tamburi abbandonati
di qualche

Gallo con la pancia all’aria.
Qui la licenza impera:
coppe in comune, stesso letto,
mensa alla

portata di tutti.
Che faresti, Pòntico, se ti capitasse un servo simile?
Lo invieresti, credo, tra i

Lucani
o in qualche ergastolo d’Etruria.
Ma voi, prole troiana,
tutto vi permettete
e

ciò che a un poveraccio darebbe vergogna
di Volesi e di Bruto sarà vanto.
Il guaio è che non posso

citare esempi tanto vergognosi e ripugnanti
senza che ne restino di peggiori.
Dato fondo al tuo

patrimonio,
tu, Damasippo,
hai venduto alla scena la tua voce
per recitare il tracotante Spettro di

Catullo.
E anche meglio ha recitato il Laureolo
Lèntulo, un giovane, a parer mio, degno
d’essere

veramente messo in croce.
Ma neanche il popolo è scusabile:
ancora piú sfrontata
è la faccia di

questa plebe,
che seduta contempla
le incredibili buffonerie dei patrizi,
guarda i Fabi che recitano

scalzi
e può ridere degli schiaffi
che prendono i Mamerchi.
Che importa a che prezzo si vendono?

già cadaveri sono.
Si vendono senza che alcun Nerone li costringa,
e non hanno ritegno a vendersi

per i giochi che dall’alto un pretore indice.
Immagina che ti presentino da un lato spade,
dall’altro

la ribalta: cosa è meglio?
S’è visto mai qualcuno
cosí terrorizzato dalla morte
da impersonare

Latino geloso di Timele
o essere collega di Corinto il buffone?
Ma dove il principe fa il citaredo
è

normale che il mimo sia un nobile.
E piú in basso non c’è che il Circo.
Qui, qui trovi la vergogna di

Roma,
Gracco che, senza corazza, sciabola e scudo
dei mirmilloni (foggia che rifiuta,
che rifiuta ed

odia), combatte,
il viso libero dall’elmo:
scuote il tridente, tendendo la mano
getta la rete

aggrovigliata
e, se il colpo non riesce,
col viso rivolto agli spettatori
e ben riconoscibile,

fugge lungo tutta l’arena.
Ne fa fede la tunica:
dalla scollatura spunta un cordone d’oro

che sbatte contro il sottogola del berretto.
Ignominia piú penosa d’ogni ferita
l’ha subita però

l’inseguitore
costretto a misurarsi con un Gracco.
Se al popolo si desse libertà di voto,
chi

sarebbe cosí perverso da esitare
nel preferire Seneca a Nerone?
Per giustiziarlo ben piú di una scimmia,

di un serpente e un sacco di cuoio
si dovrebbe approntare.
Uguale il delitto di Oreste,
ma i

motivi lo rendono diverso:
strumento degli dei,
lui vendicava il padre
ucciso durante il

convito,
ma non si macchiò dell’assassinio di Elettra
o del sangue della moglie spartana,
non

propinò veleni ai suoi parenti,
mai cantò sulla scena,
mai su Troia scrisse un poema, Oreste.
Di

qual delitto avrebbero dovuto trarre
maggior vendetta Virginio, Víndice e Galba
con le loro armate, fra i

tanti
commessi con cosí spietata
e brutale violenza da Nerone?
Queste le prodezze e gli intrighi

di un principe d’alto lignaggio,
che su scene straniere
si diletta a prostituirsi in canti osceni

per meritare l’apio
della corona greca.
Le effigie dei tuoi avi
si adornino con i trofei

della tua voce;
deponi ai piedi di Domizio
il lungo strascico di Tieste,
la maschera di

Menalippe
o di Antigone, e al Colosso di marmo
appendi la tua cetra.
Chi mai potrebbe, Catilina,

trovare nobiltà maggiore
del tuo sangue o di quello di Cetego?
E tuttavia di notte
voi ordite

assalti e incendi alle case e ai templi,
come figli di barbari sbracati
o progenie di Sènoni,
osando

delitti punibili
con la tunica del supplizio.
Ma un console veglia e frena i vostri vessilli:
uomo

nuovo di Arpino, sconosciuto,
sin qui cavaliere municipale a Roma,
ora dispone ovunque scolte armate

per i cittadini in allarme
e d’ogni colle si dà cura.
Cosí tra le mura la toga
gli diede tanto

nome e gloria,
quanta a Lèucade e nei campi della Tessaglia
Ottavio ne acquistò con la sua spada

grondante di continue stragi;
e Roma, la libera Roma
proclamò Cicerone fondatore
e padre della

patria.
Altro Arpinate: sui monti dei Volsci
cercava il suo salario
stremato sull’aratro

altrui;
e se alle fortificazioni dell’accampamento
con fiacca e svogliato lavorava di scure,
si

vedeva spezzare sulla testa
un nodoso tralcio di vite.
Eppure è lui che affronta i Cimbri,
i

pericoli estremi,
e da solo protegge la città sgomenta;
per questo, quando sullo sterminio dei Cimbri

calarono i corvi, che mai si eran posati
su cadaveri cosí giganteschi,
il nobile collega
dopo di

lui ricevette l’alloro.
Plebeo fu l’animo dei Deci,
plebeo il loro nome, eppure
piú di intere

legioni,
piú di tutti i nostri alleati
e della gioventú latina,
bastarono da soli
a placare

la Madre terra
e gli dei dell’Averno:
valgono loro
piú di tutti coloro che han salvato.

Anche se figlio di una schiava,
l’ultimo dei re buoni
si guadagnò il mantello, la corona
e i

fasci di Quirino.
Furono invece gli stessi figli del console
che aprirono a tradimento i battenti delle

porte
ai tiranni esiliati;
loro, che avrebbero dovuto compiere,
in difesa della libertà ancora

incerta,
qualche nobile gesto,
tale da suscitare il plauso
di Coclite, di Muzio e della vergine

che attraversò a nuoto il Tevere,
confine allora dell’impero nostro.
Fu un servo, degno del pianto

delle matrone,
che svelò ai senatori
le occulte trame, cosí che per giusto scotto
i congiurati

subirono verga e scure,
delle leggi massima pena.
Preferirei che per padre avessi Tersite,
purché tu

fossi simile ad Achille
e maneggiassi le armi di Vulcano,
piuttosto che somigliante a Tersite

t’avesse generato Achille.
Del resto, per quanto tu risalga lontano
e lontano abbia origine il tuo

nome,
tu discendi da un covo di briganti;
il tuo capostipite, chiunque fosse,
era un pastore

o quello che non voglio dire.