Giovenale

Giovenale: biografia e satire

Giovenale, scrittore di satire della Roma antica, ci ha lasciato una testimonianza inquietante del periodo a cavallo tra il I e il II secolo d.C.  Il mondo da lui descritto è quello di Marziale, filtrato però attraverso il senso morale delle sue satire.

Giovenale: le notizie incerte sulla vita

I dati sulla vita del poeta sono pochi e incerti. Esistono una dozzina di biografie antiche che riportano notizie oscure e contradditorie, quindi non ci danno informazioni certe. Nelle sue satire, inoltre, Giovenale parla poco di sé, a differenza di Lucilio e Orazio, in quanto non vuole contaminare i suoi componimenti che devono essere pura invettiva. Decimo Giunio Giovenale nacque ad Aquino, nel Lazio, tra il 50 e il 60: il suo luogo di nascita è ricavato dalla III satira e, inoltre, è stata trovata proprio in quel luogo un’iscrizione dedicata a Cerere da un Iunius Iuvenalis, probabilmente parente del poeta. Frequentò le scuole di retorica e fu avvocato.

Giovenale: le satire e la morte

Dopo il 96 iniziò a scrivere satire, criticando la società che Marzale aveva adulato. Non a caso Marziale lasciò Roma nel momento in cui Giovenale cominciò a scrivere. La carriera poetica di Giovenale proseguì sotto Traiano e Adriano, ma probabilmente non ebbe vita facile. Marziale, nell’epigramma 12,18, ce lo descrive intento ad aggirarsi tra Suburra, Aventino e Celio con la toga impregrata di sudore. Secondo alcune fonti antiche morì in Egitto o Caledonia, dove sarebbe stato esiliato. La data di morte, secondo ciò che ricaviamo dalla satira XV, dovrebbe essere posteriore al 127.

Consulta anche:
Giovenale

Giovenale

[T2]La vita[/T] Le notizie sulla vita di Decimo Giunio Giovenale sono estremamente povere ed incerte. Egli nacque, probabilmente ad Aquino, intorno al 60 d.C. Nulla di preciso è conosciuto della famiglia d’origine: un’anonima biografia parla di un ricco liberto come padre o come tutore. La posizione sociale e la situazione economica di Giovenale, che affiorano […]

Satira I

Semper ego auditor tantum? numquamne reponam uexatus totiens rauci Theseide Cordi? inpune ergo mihi recitauerit ille togatas, hic elegos? inpune diem consumpserit ingens Telephus aut summi plena iam margine libri 5 scriptus et in tergo necdum finitus Orestes? nota magis nulli domus est sua quam mihi lucus Martis et Aeoliis uicinum rupibus antrum Vulcani; quid […]

Satira II

Ultra Sauromatas fugere hinc libet et glacialem Oceanum, quotiens aliquid de moribus audent qui Curios simulant et Bacchanalia uiuunt. indocti primum, quamquam plena omnia gypso Chrysippi inuenias; nam perfectissimus horum, 5 si quis Aristotelen similem uel Pittacon emit et iubet archet pluteum seruare Cleanthas. frontis nulla fides; quis enim non uicus abundat tristibus obscenis? castigas […]

Satira III

Quamuis digressu ueteris confusus amici laudo tamen, uacuis quod sedem figere Cumis destinet atque unum ciuem donare Sibyllae. ianua Baiarum est et gratum litus amoeni secessus. ego uel Prochytam praepono Suburae; 5 nam quid tam miserum, tam solum uidimus, ut non deterius credas horrere incendia, lapsus tectorum adsiduos ac mille pericula saeuae urbis et Augusto […]

Satira IV

Ecce iterum Crispinus, et est mihi saepe uocandus ad partes, monstrum nulla uirtute redemptum a uitiis, aegrae solaque libidine fortes deliciae, uiduas tantum aspernatus adulter. quid refert igitur, quantis iumenta fatiget 5 porticibus, quanta nemorum uectetur in umbra, iugera quot uicina foro, quas emerit aedes [nemo malus felix, minime corruptor et idem] incestus, cum quo […]

Satira V

Si te propositi nondum pudet atque eadem est mens, ut bona summa putes aliena uiuere quadra, si potes illa pati quae nec Sarmentus iniquas Caesaris ad mensas nec uilis Gabba tulisset, quamuis iurato metuam tibi credere testi. 5 uentre nihil noui frugalius; hoc tamen ipsum defecisse puta, quod inani sufficit aluo: nulla crepido uacat? nusquam […]

Satira VI

Credo Pudicitiam Saturno rege moratam in terris uisamque diu, cum frigida paruas praeberet spelunca domos ignemque laremque et pecus et dominos communi clauderet umbra, siluestrem montana torum cum sterneret uxor 5 frondibus et culmo uicinarumque ferarum pellibus, haut similis tibi, Cynthia, nec tibi, cuius turbauit nitidos extinctus passer ocellos, sed potanda ferens infantibus ubera magnis […]

Satira VII

Et spes et ratio studiorum in Caesare tantum; solus enim tristes hac tempestate Camenas respexit, cum iam celebres notique poetae balneolum Gabiis, Romae conducere furnos temptarent, nec foedum alii nec turpe putarent 5 praecones fieri, cum desertis Aganippes uallibus esuriens migraret in atria Clio. nam si Pieria quadrans tibi nullus in umbra ostendatur, ames nomen […]

Satira VIII

Stemmata quid faciunt? quid prodest, Pontice, longo sanguine censeri, pictos ostendere uultus maiorum et stantis in curribus Aemilianos et Curios iam dimidios umeroque minorem Coruinum et Galbam auriculis nasoque carentem, 5 [quis fructus generis tabula iactare capaci Coruinum, posthac multa contingere uirga fumosos equitum cum dictatore magistros,] si coram Lepidis male uiuitur? effigies quo tot […]