In questa città di Max Pezzali: uscita

In questa città” è il nuovo brano di Max Pezzali, in rotazione radiofonica e disponibile nei digital store dallo scorso venerdì 8 novembre 2019. Si tratta di una canzone dedicata a Roma, città in cui ha vissuto per molto tempo (lui è nato a Pavia). La ballad sarà presente nel prossimo disco dell’ex 883 che uscirà prossimamente. Oltre all’uscita del singolo c’è stata anche quella del videoclip ufficiale che vede dietro la macchina da presa Giorgio Testi, regista candidato ai Grammy per il suo lavoro con i Blur in “Blur: No distance left to run”.

In questa città di Max Pezzali: uscita, testo, significato

In questa città di Max Pezzali: significato

Roma – ha dichiarato Max – è una città incredibile, gigantesca, caotica, spesso incomprensibile per chi come me vive gran parte del tempo in una tranquilla realtà di provincia; però, anche se a volte ci fa un po’ arrabbiare, riesce sempre a farsi perdonare con la sua umanità e la sua Magnificenza“. La copertina del singolo è stata anticipata da Fiorello ed è stata disegnata da Zerocalcare.

Leggi anche:

In questa città di Max Pezzali: testo

Ecco il testo ufficiale del brano “In questa città” di Max Pezzali:

Era meglio se scendevo prima a Tiburtina
siamo in mille e i taxi forse solo una decina
però poi trovato il tappo sulla tangenziale
a Prati fiscali ci si può pure invecchiare
e invece qui ci si taglia dentro da Villa Borghese
il taxista che mi chiede “Lei è milanese?”
certo che anche voi dell’Inter state messi male
a noi ci resta solo il Derby della capitale
però Tomba di Nerone sta proprio in culandia
“come ci è finito là, mi scusi la domanda”
gli rispondo solamente mi ci porta il cuore
sceglie tutto gioie, lacrime e pure il quartiere
chissà se stasera incontro il mio amico Cinghiale
che non è un soprannome, è proprio l’animale
che mi sta simpatico perché ha lo sguardo triste
ma mi fa le feste

In questa città
c’è qualcosa che non ti fa mai sentire solo
anche quando vorrei dare un calcio a tutto
sa farsi bella e presentarsi col vestito buono
e sussurrarmi nell’orecchio che si aggiusterà
se no anche Sticazzi che se non passerà
che se non passerà

Roma nord, Roma sud, Roma ovest est
qui si vive in macchina come a Los Angeles
si capisce sei del nord che guidi da sfigato
mentre il fiume scorre lento tra i campi di paddle
gli SH fanno a gara con le macchinetta
Suv di cinque metri in strade sempre troppo strette
meglio starsene rinchiusi nel proprio quartiere
tranne il sabato che andiamo tutti a pranzo al mare
c’ho un amico che sta all’EUR però arrivarci è un viaggio
c’ho un amico ha un bar in centro ma non c’è parcheggio
e ne ho pure uno a Trastevere ma è il varco attivo
ma mi capisce e quando arrivo, arrivo
Pariolini alternativi, coatti ripuliti
gente che lavora duro e sola ben vestiti
tre milioni di persone in questo frullatore
che non puoi lasciare

In questa città
c’è qualcosa che non ti fa mai sentire solo
anche quando vorrei dare un calcio a tutto
sa farsi bella e presentarsi col vestito buono
e sussurrarmi nell’orecchio che si aggiusterà
se no anche Sticazzi che se non passerà
tu vieni su al Gianicolo a guardare la città