Cambiare lavoro: tutte le info

Vi è mai capitato di trovarvi nella situazione in cui siete stati costretti a cambiare lavoro e vi siete trovati impreparati sul da farsi? Oggi siamo qui per dirvi tutto quello che dovete fare quando decidete di cambiare lavoro, dal preavviso alla comunicazione al datore di lavoro. Possono essere tante le motivazioni che spingono le persone a voler cambiare lavoro, l’importante è farlo con i tempi giusti, nelle giuste modalità e nel rispetto di norme e leggi che regolano i rapporti di lavoro. E’ molto importante che la prestazione di lavoro si concluda bene e che non porti strascichi fastidiosi.

Cambiare lavoro: quando dare il preavviso

Prima di parlare di tempistica soffermiamoci un attimo sul significato di preavviso: si tratta del tempo che decorre dal momento in cui il dipendente comunica al datore di lavoro la sua intenzione di dimettersi e il giorno in cui effettivamente il rapporto di lavoro si risolve. Il numero di giorni di preavviso da rispettare in caso di dimissioni dipende da diversi fattori e, in particolar modo, da:

  • tipologia di contratto di lavoro;
  • livello di inquadramento;
  • anzianità di servizio;
  • qualifica.

Per quanto riguarda i contratti a tempo indeterminato, i tempi per il preavviso delle dimissioni sono la metà di quelli previsti per il licenziamento, quindi:

  • lavoro full time e massimo 5 anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro: 8 giorni di calendario;
  • lavoro full time e più di 5 anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro: 15 giorni di calendario;
  • lavoro part-time e massimo 2 anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro: 4 giorni di calendario;
  • lavoro part-time e più di 2 anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro: 8 giorni di calendario.

Cambiare lavoro: quando dare la comunicazione

Quando si decide di cambiare lavoro licenziandosi, e i motivi per cui lo si fa possono essere svariati, l’importante è dare il preavviso e la comunicazione nei tempi giusti e previsti dal rapporto lavorativo che avete contratto. Rispettando i tempi la fine del lavoro avviene nel miglior modo possibile.

Leggi anche: