Colloquio di lavoro: le domande a cui non vorremmo rispondere

Avete mai sostenuto un colloquio di lavoro in cui vi sono state poste delle domande insidiose a cui proprio non riuscivate a dare una risposta? I responsabili delle risorse umane hanno il compito di analizzare e valutare i candidati che si presentano difronte a loro per dimostrare quello che valgono, le loro capacità e competenze e di meritare a pieno titolo il lavoro per cui si sono presentati. A volte, ma non sempre, vengono poste delle domande a cui non si vorrebbe mai rispondere ma il trucco è essere pronti a tutti e dimostrare di essere sicuri di sé e di poter rispondere, a testa alta, a qualsiasi domanda.

Leggi anche: Come si svolge un colloquio di lavoro?

Colloquio di lavoro: le domande più insidiose

Gli addetti ai recruiting, ovvero le risorse umane, hanno il compito di condurre i colloqui in cui, tra una chiacchierata e l’altra, viene fuori l’essenza della persona che si ha difronte. Ai colloqui s i porta il proprio curriculum vitae che viene visionato e, molto spesso, il colloquio inizia proprio da lì, si parla delle passate esperienze, delle mansioni e di quello che si desidera fare. Sono previste anche delle domande insidiose, ve ne elenchiamo qualcuna in modo che al prossimo colloquio saprete come rispondere bene senza farvi prendere alla sprovvista:

  1. Raccontami un po’ di te;
  2. Descriviti con una sola parola;
  3. Dimmi un tuo punto debole un punto forte;
  4. Come mai hai lasciato il tuo posto di lavoro?
  5. Hai mai preso una penna dal posto di lavoro?
  6. Come mai sei rimasto senza lavoro per così tanto tempo?
  7. Come reagisci di fronte alle critiche?
  8. Che cos’hai che altri candidati non hanno? Perché dovremmo assumere te?
  9. Siete a vostro agio nel ricevere ordini dal vostro superiore?
  10. Hai qualche domanda?

Ritrovate, tra queste, almeno una domanda che vi è stata posta? Vediamo come è preferibile rispondere.

Domande insidiose ad un colloquio: come rispondere

Se vi vengono poste delle domande insidiose durante un colloquio di lavoro dovrete, comunque, dimostrare di essere sicuri di voi stessi, non temere niente e trasmettere a chi avete difronte la vostra voglia di fare e di mettere a completa disposizione il vostro sapere e le vostre conoscenze. Può capitare che chi vi fa il colloquio possa optare per una delle domande che vi abbiamo elencato, infondo è questo il loro lavoro e se lo fanno in maniera così insidiosa è per testare la vostra personalità, la vostra prontezza nel rispondere e il vostro carattere. Non dimenticate mai che durante il colloquio dovete parlare a voce alta, guardare dritto negli occhi chi vi sta difronte e sorridere.

Non perderti: