Giurista e avvocato: quali sono le differenze e a quanto ammonta lo stipendio

Se siete interessati a lavorare nel campo della giurisprudenza e volete dei chiarimenti sulle figure professionali del giurista e dell’avvocato siete capitati nel posto giusto. Queste due professioni, con molto probabilità, possono creare confusione e possono essere, erroneamente, ricondotte ad un’unica figura professionale; ciò può avvenire perché c’è poca informazione e poca chiarezza sulle differenze tra le due. Un denominatore comune c’è ed è, appunto, il campo della giurisprudenza in cui operano; e le differenze di carriera e stipendio? Andiamo a scoprirlo.

Lavorare come avvocato: di cosa si occupa e quanto guadagna

L’obiettivo degli avvocati è quello di tutelare i nostri interessi e di proteggerci di fronte alla giustizia. Gli avvocati scendono in aula per diverse situazioni, alcune civili altre penali, alcune più gravi e importanti altre meno. Possiamo riassumere le loro mansioni in:

  1. Fornire assistenza e consulenza legale
  2. Rappresentare i propri clienti davanti ai tribunali
  3. Difendere i diritti del proprio mandante
  4. Interpretare leggi, norme e regolamenti
  5. Ricercare documenti, normative e sentenze rilevanti per i casi legali che sta seguendo
  6. Intraprendere azioni legali per conto di privati e aziende
  7. Preparare documenti con valore legale (testimonianze, testamenti, contratti ecc.)

Per quanto riguarda la formazione, il percorso da svolgere è quello di iscriversi al corso di laurea in giurisprudenza, al termine del quale è previsto un periodo di praticantato per concludere con l’esame di abilitazione per poi iniziare la carriera. Gli avvocati affermati possono considerarsi benestanti; gli avvocati junior hanno un guadagno che si aggira intorno alle 500 euro mensili, mentre gli avvocati che lavorano presso uno studio possono arrivare a guadagnare tra i 1200 e i 1500 euro al mese.

Scopri di più:

Professione giurista: in cosa consiste e a quanto ammonta lo stipendio

Il giurista è colui che studia e interpreta il diritto preso nella sua concezione di di scienza dell’organizzazione della società, attraverso regole e istruzioni che operano nei vari campi e settori che interessano l’agire dell’uomo. I giuristi si dividono in:

  1. giuristi privatisti
  2. giuristi pubblicisti, costituzionalisti e amministrativisti
  3. giuristi tributari
  4. giuristi commercialisti
  5. giuristi penalisti

Infine vi è il giurista d’impresa che opera nella consulenza alle imprese in ambito giuridico per tutelarne gli interessi. Per quanto riguarda lo stipendio, può variare da caso a caso, in base anche alla carriera; può arrivare a guadagnare dai venticinquemila euro annui ai settantamila.

Se vuoi saperne di più, leggi anche: