Maestra accusata di aver portato gli alunni ad un comizio di Conte: il caso

Una storia che ha dell’incredibile. Una professoressa di Canosa di Puglia avrebbe portato i suoi studenti al comizio di Giuseppe Conte a sostegno del candidato sindaco di un paesino della provincia di Bari. Secondo quanto riporta La Repubblica tutto è accaduto lo scorso giugno, quindi poco prima della fine delle lezioni e dell’anno scolastico. La docente in questione era candidata alle elezioni comunali e così i ragazzi sono stati portati al convegno, senza però farlo sapere ai genitori.

Potrebbe interessarti anche: Calendario Anno Scolastico 2022/2023 Puglia

Maestra accusata di aver portato gli alunni ad un comizio di Conte: cos'è successo

Maestra accusata di aver portato gli alunni ad un comizio di Conte: la denuncia

È sconcertante che si utilizzi la scuola a fini elettorali e si strumentalizzino dei piccoli alunni. Chiediamo che sia fatta chiarezza su quanto accaduto e che siano mandati degli ispettori per individuare le responsabilità“, ha dichiarato l’onorevole Maria Elena Boschi (Italia Viva) che ha presentato una interpellanza urgente al ministro all’Istruzione Patrizio Bianchi. Effettivamente sembra molto strano portare una scolaresca di seconda elementare “in gira” ad un comizio elettorale senza avvertire nessuno. Ricordiamo che la Boschi è capogruppo di Italia Viva alla Camera dei deputati dal 24 settembre 2019, già ministra nel governo Renzi e Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel Governo Gentiloni.

Maestra accusata di aver portato gli alunni ad un comizio di Conte: la difesa

Secondo la ricostruzione dei fatti i bambini dovevano lasciare la scuola per il progetto “sull’acquisto responsabile” in centro per un gelato. Secondo la difesa però la donna quel giorno era in ferie e sarebbe stata un’altra insegnante a portare fuori i ragazzi. A causa del maltempo si sarebbero riparati sotto dei gazebo, proprio quelli – guarda caso – del comizio. Un esponente del Movimento Cinque Stelle si difende: “Abbiamo già presentato diverse querele contro la ricostruzione falsa dei fatti“. Ricordiamo che Conte – avvocato, giurista, politico e accademico – è stato prima presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana dal 1º giugno 2018 al 13 febbraio 2021 e poi presidente del Movimento 5 Stelle dal 6 agosto 2021 ad oggi. Proprio recentemente – il 22 giugno – c’è stata la scissione del M5S che ha portato alla nascita del partito Insieme per il Futuro, fondato da Luigi Di Maio.

Leggi anche: