Il periodo di emergenza che stiamo vivendo a causa del coronavirus ha portato ad una serie di importanti, e impensabili fino a pochi mesi fa, cambiamenti nelle vite di tutti. La necessità del distanziamento sociale per limitare il più possibile la diffusione del virus ha costretto la didattica e l’intrattenimento a spostarsi rapidamente sul digitale e in questo contesto l’iniziativa Operazione Risorgimento Digitale, lanciata da TIM nell’ottobre dello scorso anno con l’obiettivo di portare nelle case degli italiani la cultura digitale, ha acquisito una valenza ancora più strategica.

Di fronte all’emergenza coronavirus, l’iniziativa è stata arricchita di nuovi contenuti con un occhio di riguardo anche agli studenti di tutte le età, sradicati da un giorno all’altro dalla propria quotidianità fatta di amici e scuola e costretti alla didattica a distanza. TIM ha pensato anche a loro potenziando il programma con contenuti di edutainment finalizzati a far acquisire ai bambini le competenze digitali giocando.

Per i bambini fino a 12 anni è stata pensata una sessione mattutina interattiva di circa un’ora, orientata a far muovere i primi passi anche ai più giovani nell’universo della tecnologia, della robotica e degli esperimenti scientifici e di cucina, ma anche di bricolage e chimica, senza dimenticare le discipline tradizionali come le scienze, l’ambiente e il territorio.

L’obiettivo del ciclo di lezioni in programma dal lunedì al venerdì fino al 29 maggio 2020 è quello di sviluppare nei bambini competenze come il problem solving, la creatività, il coding e stimolare tutte le diverse forme di intelligenza: spaziale, logico-matematica, sociale, introspettiva, linguistica, cinestetica e artistica.

A curare i contenuti educazionali, accessibili gratuitamente in qualunque momento e senza bisogno di iscrizione, saranno esperti del settore e personaggi amati dai bambini come Codemotion, Fondazione Mondo Digitale, OFpassiON, Maker Camp e Telefono Azzurro.

Le lezioni affrontano i temi più disparati, da come insegnare ai bambini come aiutare i nonni ad avvicinarsi al mondo della rete alle dinamiche dei videogiochi online, passando per consigli e suggerimenti su come muoversi all’interno del mondo di Minecraft, ma anche come creare un videogioco e come individuare le fake news.

Tutte le lezioni sono disponibili gratuitamente a questo indirizzo, così come il calendario di quelle in programma nelle prossime settimane che potranno essere seguite in diretta o visualizzate in un secondo momento.

Le classi online anche per i più grandi

Ai tantissimi contenuti di edutainment pensati per bambini fino ai 12 anni, Operazione Risorgimento Digitale ha affiancato anche le lezioni dei Maestri d’Italia, pensate per un pubblico più adulto. Più di trenta lezioni di altrettanti “maestri” che declinano l’emergenza coronavirus in base alle varie discipline scolastiche, pensate per i docenti in modo che possano utilizzarle nelle aule virtuali.

Da Vera Gheno ad Alex Zanardi, da Monica Guerritore a Massimo Recalcati, passando per Ilaria Capua, Roberto Burioni e Carlo Cottarelli, ogni “maestro” affronta un tema diverso e mette a disposizione gratuitamente le proprie competenze ed esperienze per affrontare al meglio il momento particolare che stiamo tutti vivendo, imparando da questa situazione e guardando al futuro.

Nella sua lezione, il virologo Roberto Burioni ha voluto inviare un messaggio di speranza agli studenti: “L’ottimismo nasce dal fatto che tutte le epidemie sono finite. Quello che stiamo vivendo ora è il mondo senza vaccino. Lo studio, la scienza, la conoscenza, il sacrificio rendono migliori gli uomini e il mondo intero“.

Lo stesso ha fatto Walter Ricciardi, rappresentante italiano nel Comitato esecutivo dell’Organizzazione mondiale della sanità: “Meglio stare attenti fino a quando non avremo un vaccino o un farmaco specifico. È una malattia che può fare tanto male anche ai soggetti più giovani. Meglio stare più al sicuro dal punto di vista fisico, meno dal punto di vista emotivo“.

Maestri d'Italia - Le Lezioni

Come cambierà lo Smart Working dopo la pandemia? Ce lo spiega Domenico De Masi. Cosa dobbiamo sapere sul coronavirus? La parola al virologo Roberto Burioni. Come ricostruire il Mondo dopo l’epidemia? È l’architetto e urbanista Stefano Boeri ad illustrarcelo. E questi sono soltanto alcuni esempi dei contenuti già disponibili e quelli in programma nelle prossime settimane, tutti assolutamente gratuiti e accessibili a questo link.

Una settimana speciale di “Maestri d’Italia” grazie a Treccani

Da lunedì 11 a venerdì 15 maggio il palinsesto di “Maestri d’Italia” si arricchisce di nuovi lezioni, frutto della collaborazione tra TIM e l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, impegnato fin dai primi giorni della pandemia da COVID-19 a diffondere il valore della cultura italiana come strumento per rispondere all’emergenza sanitaria in corso.

Cinque nuove lezioni tenuta da altrettanti “Maestri d’Italia” tra le firme particolarmente presenti nelle pubblicazioni digitali a marchio Treccani. Ad alternarsi giorno dopo giorno saranno: Tomaso Montanari, storico dell’arte, giornalista e saggista; Paolo Vineis, epidemiologo ambientale; Silvia Onesti, chimica e biologa;Luca Serianni, professore emerito di storia della lingua italiana; Gemma Calamandrei, psicobiologa e primo ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità.

Salvatore Rossi, Presidente di TIM, ha così annunciato la nuova collaborazione con Treccani: Il momento drammatico che stiamo attraversando sta rivelando quanto la connettività e il digitale siano bisogni essenziali per i cittadini e, in particolare, per i giovani. Con Operazione Risorgimento Digitale e avendo al nostro fianco partner di grande capacità e reputazione come Treccani vogliamo contribuire a far fare un salto evolutivo alla società italiana. Bisogna che più italiani possibile imparino a usare disinvoltamente le tecnologie digitali. Queste, insieme con la più generale diffusione delle competenze, delle conoscenze, della cultura, possono preservare e migliorare la nostra società.

Le lezioni possono essere seguite in diretta dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 17.40 fino al 29 maggio, ma sono accessibili in qualunque momento per una fruizione secondo i propri tempi.