Scrutini I quadrimestre: cosa succede

Vista il perdurare dell’emergenza sanitaria e la conseguente proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2022, gli scrutini del I quadrimestre si possono fare in videoconferenza. Sarà lo stesso dirigente scolastico a decidere se lo svolgimento avverrà da remoto, al fine di assicurare che tutto avvenga senza intoppi. Le riunioni da remoto sono perciò una possibilità e non una regola obbligatoria. La disposizione della proroga dello stato di emergenza al 31 marzo è previsto dal decreto legge del 24 dicembre passato, che allunga il periodo per svolgere le riunioni degli organi collegiali a distanza, ossia le disposizioni previste dall’articolo 73 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, semplificazioni in materia di organi collegiali.

Scrutini I quadrimestre: si possono svolgere a distanza

Scrutini I quadrimestre: cosa fare per recuperare le insufficienze

Ma come recuperare i debiti con interrogazioni last minute? Gli studenti che non vogliono un brutto voto in pagella possono decidere di fare delle interrogazioni per recuperare eventuali insufficienze prima di metà anno scolastico. Il consiglio è quello di chiedere aiuto agli stessi insegnanti nel caso alcuni passaggi delle lezioni non fossero chiari, inoltre è fondamentale trovare un metodo di studio adatto, magari chiedendo anche l’aiuto di fratelli/sorelle o genitori per ripetere. Se niente di tutto questo funziona forse è il caso di rivolgersi ad un insegnante privato.

Potrebbe interessarti anche:

Interrogazioni programmate: sono utili?

In realtà c’è chi pensa che programmando le interrogazioni si possa correre il rischio di lasciarsi dietro qualche lezione e non avere perciò lo studio completo delle diverse materie. L’idea più giusta sarebbe quella di programmare le interrogazioni, provando ugualmente a non rimanere indietro con i vari programmi, cercando di studiare tutto giorno per giorno.