Gli studenti che desiderano richiedere un posto letto negli studentati dell’Università Statale di Milano per l’imminente anno accademico 2021/22, dovranno essere vaccinati. Oltre a quelli di merito e a quelli economici, quest’anno si aggiunge un ulteriore requisito, l’avvenuta vaccinazione. Entro il 31 dicembre, dunque, dovranno vaccinarsi contro il Covid. La decisione, che sta facendo discutere in questi giorni, è stata presa dal Cda dell’Ateneo.

Leggi: Vaccino obbligatorio per il rientro a scuola? Tutti gli aggiornamenti

Posti letto solo per i vaccinati alla Statale di Milano

Lo stesso ha di recente approvato nuovi criteri per l’assegnazione degli alloggi e fra questi figura, appunto, la vaccinazione. Se fino al 31 dicembre le camere continueranno ad essere dimezzate e singole, si sta già lavorando per tornare al vecchio regime (ovvero alla copertura di tutti i 1.088 posti a disposizione) in vista, appunto, della massiccia vaccinazione degli studenti che avranno assegnato un posto letto.

A causa della messa al bando delle doppie e delle triple, che per ovvie ragioni sono state utilizzate come singole, il diritto di molti studenti ad avere un posto letto, nell’ultimo anno e mezzo, è stato messo da parte. Adesso è ora di tornare a pensare a quelli che, tra i 64mila studenti della statale, sono fuorisede.

“Come grande ateneo, con una delle facoltà di Medicina più importanti della Lombardia, ai primi posti per gli studi sul Covid, riteniamo sia nostro dovere dare un segnale di fiducia verso la scienza e dare la possibilità agli studenti di tornare alla normalità con l’arma del vaccino”.

Così ha spiegato all’Ansa Marina Brambilla, prorettore delegato ai Servizi per la didattica e agli Studenti.

Per molti studenti è probabilmente stata una doccia fredda, per altri un passo dovuto. Ciò che conta, adesso, è tornare il prima possibile alla “normalità” per garantire a tutti i fuorisede di avere un posto letto nell’ateneo. Si avrà tempo, come anticipato, fino al 31 dicembre per assolvere all’obbligo e poter vantare di tutti i requisiti richiesti dalla Statale. Chi non è vaccinato sarà di conseguenza escluso e non potrà rientrare nella graduatoria finale per l’assegnazione di un alloggio.

Leggi anche: