Bagaglio da stiva: di cosa si tratta, le dimensioni e le regole da seguire

Tutti siamo abituati a viaggiare, in treno, in auto o in aereo, e tutti siamo abituati a sentire parlare di bagaglio da stiva; ma di cosa di tratta nello specifico? Oggi siamo qui a rispondere a tutte le vostre domande e alle vostre perplessità, perché immaginiamo che, chi acquista i biglietti aeri on line sia spesso in contatto con questi termini e spesso non ne conosce bene il significato. Non solo vi daremo la definizione e la spiegazione del termine, ma studieremo nel dettaglio quali sono le dimensioni giuste affinché sia ritenuto valido e quali sono le regole da rispettare, andiamo.

Da non perdere:

Bagaglio da stiva: di cosa si tratta?

Iniziamo subito col chiarire cosa si intenda con bagaglio da stiva; si tratta del vostro bagaglio che, una volta fatto il check-in, vi verrà imbarcato nella stiva dell’aereo. Si tratta, ovviamente, di un bagaglio che voi non potrete aprire per tutto il viaggio in quanto non potrete portarlo con voi a bordo, ma dovrete lasciarlo e farlo imbarcare in stiva. Molti vi chiederete se si paga o meno l’imbarco di tale bagaglio, questo dipende dalle compagnie aeree; in particolare, quelle low cost, hanno stabilito delle limitazioni nelle dimensioni del bagaglio che, superate queste, impongono un pagamento. Esistono delle compagnie aeree non low cost che includono l’imbarco di tale bagaglio nel costo del volo, ma anche qui è importante prestare attenzione ad eventuali limitazioni di dimensioni.

Leggi anche:

Bagaglio da stiva: quali sono le dimensioni da rispettare

Le dimensioni del bagaglio da stiva da rispettare variano da compagnia a compagnia, ecco di seguito le varie indicazioni di alcune compagnie aeree low cost e non low cost:

  1. Ryanair: al momento della prenotazione il passeggero può dichiarare  1 o 2 bagagli da stiva, il prezzo varia in base al peso (15 o 20 kg) e alla stagione (alta o bassa).
  2. Easyjey: al momento della prenotazione si può registrare 1 bagaglio da stiva con un peso massimo di 20kg.
  3. Wizz air:  fino a 6 articoli di bagaglio registrato, di peso non superiore a 32 kg ciascuno.
  4. Iberia: deve pesare al massimo 23 kg, i chili eccedenti possono essere registrati  e devono esser compresi tra i 23 ed i 32, a seconda del peso varia il sovrapprezzo.
  5. Vueling: sarà possibile dichiarare 1 bagaglio da stiva del peso massimo di 23kg pagando un supplemento variabile a seconda della destinazione.
  6. Air France: 1 bagaglio da stiva del peso massimo di 23kg. Nel caso in cui non verrà rispettato il peso, si dovrà pagare un supplemento.
  7. Alitalia: 1 bagaglio da stiva di 23kg (o 32kg in caso di classe superiore).

Bagaglio da stiva: quali sono le regole da rispettare

Nel bagaglio da stiva è incluso anche il trasporto di animali, che siano cani, gatti o furetti. I posti riservati al trasporto di animali sono limitati, per cui conviene sempre informarsi dalla compagnia. Infine, ci sono degli articoli che non possono essere messi nel bagaglio da stiva, e quindi imbarcati, per saperne di più leggi: