Week end a Napoli: cosa vedere

C’è un detto che recita “Vir Napule e po’ muor”, fa riferimento alla bellezza, alla cultura e all’arte che questa città offre e il detto si riferisce al fatto che se si è stati in vacanza a Napoli, si è esplorata a fondo la città, non si può chiedere di più dalla vita. Avete voglia di vivere una vacanza così forte, piena di emozioni e di bellezze da guardare e da custodire gelosamente nel cassetto dei ricordi? Oggi vogliamo darvi una mano nell’organizzazione del vostro prossimo viaggio, fornendovi un itinerario di uno, due o tre giorni tra le vie della città, andiamo!

Non perderti: Cosa vedere a Roma: 10 luoghi fuori dagli schemi 

Itinerario di uno, due o tre giorni a Napoli: cosa vedere

Portate con voi scarpe e abbigliamento comodo perché ne avrete bisogno, girare per le città può risultare stancante, ma al rientro si torna pieni di nuove emozioni, nuove strade, nuovi volti e nuove tradizioni da custodire per sempre. Pronti?

  1. Primo giorno: Cappella San Severo, al suo interno sono presenti delle statue la cui forma e composizione le fanno sembrare quasi reali, tanto da chiedersi come sia possibile che siano così; Napoli sotterranea è una tappa dovuta, non si può non visitarla, al suo interno l’acquedotto greco romano di oltre 2000 anni fa;
  2. Secondo giorno: San Gregorio Armeno, durante il periodo natalizio la via è immersa di presepi e di statuette come quella di Pino Daniele, del Papa, e di altri personaggi televisivi che hanno fatto la storia della televisione; la metropolitana Toledo è una stazione metropolitana che ha qualcosa di magico e incantevole, sembra di essere all’interno di un’opera d’arte;
  3. Terzo Giorno: Piazza Dante, Piazza Bellini e Basilica di S.Paolo Maggiore sono delle tappe che non possono assolutamente mancare e sono anche relativamente vicine tra loro, il Duomo di Napoli una basilica monumentale in stile gotico in cui sono custodite le reliquie di S. Gennaro.

Viaggio di qualche giorno a Napoli: quando andare

L’itinerario che vi abbiamo proposto è ricco di arte e cultura, per viverla, vederla e farla vostra per qualche giorno potete scegliere qualsiasi periodo dell’anno; è sempre bella, calda, colorata e pronta ad accogliere orde di turisti che vogliono visitarla almeno una volta nella vita. Se volete vivere l’atmosfera natalizia, quella dei presepi di San Gregorio Armeno, il periodo migliore è dall’8 dicembre in poi. Ovviamente, come consigliamo sempre quando si parla di viaggi, se si prenota con un po’ di anticipo si ha la possibilità di trovare e poter usufruire di offerte molto convenienti.

Leggi anche: Cosa vedere a Firenze: itinerario di uno, due o tre giorni